Franceschini'INIZIATIVA di creare una rete di Punti-Archivio per il mondo albanese, collegati elettronicamente con l'Archivio Centrale di Tirana, è partita alla fine del 2020, anche alla luce delle difficoltà create dalla crisi pandemica, su iniziativa della Direzione Generale degli Archivi d'Albania, guidata dal giovane Direttore generale Ardit Bido e dal suo staff del settore informatico, vista l'impossibilità per studenti, ricercatori e studiosi di utilizzare direttamente le fonti archivistiche in possesso dell'Archivio stesso.

Ricordiamo che il più antico manoscritto conservato in questo Archivio è il Codex Purpureus Beratinus, un evangelario del VI secolo inserito nel 2005 dall'UNESCO nel Registro della Memoria del mondo. Si è deciso così di attivare questa rete diffusa di accesso alla sala studio di Tirana per via telematica per aiutare concretamente gli studenti, i ricercatori e i cultori interessati delle città albanesi delle regioni di confine e delle comunità albanesi fuori dell'Albania, ad accedere liberamente ai fondi documentari in possesso dell'Archivio di Stato albanese. Grazie ad accordi intercorsi con enti locali, biblioteche istituti universitari gravitanti nelle aree albanofone e disponibili ad accogliere queste strutture, sono stati sinora attivati in Albania 22 Punti-Archivio, mentre fuori dell'Albania3puntisono stati localizzati nella Repubblica del Kossovo e 3 nella Repubblica della Macedonia del Nord. Ad essi si aggiungeranno nei prossimi giorni, nel periodo 22- 24 giugno 2022,altriPunti-Archivio che coinvolgeranno per la prima volta la comunità albanese d'Italia, ma attraverso le strutture di ricerca albanologica delle Università della Calabria e di Palermo, tutti gli studiosi interessati. E' stata una iniziativa congiunta della Direzione Generale degli Archivi e della Fondazione Universitaria "Francesco Solano" dell'Università della Calabria, a riuscire ad organizzare in tempi anche molto ristretti questa rete di Punti-Archivio in Calabria e in Sicilia collegati direttamente per via telematica con la sala studio della sede centrale dell'Archivio di Tirana. La Direzione Generale degli Archivi ha individuato come partner italiano del progetto la Fondazione universitaria dell'UNICAL F. Solano, che per statuto si prefigge lo scopo di promuovere, in Italia e all'estero, lo studio e la ricerca in campo albanologico, nonché di intraprendere tutte quelle iniziative volte a favorire gli interscambi culturali tra le comunità albanesi di area italiana e quelle di area balcanica (Albania, Kosovo, Macedonia, Grecia e Montenegro). Tra le due istituzioni era già in vigore un accordo di collaborazione scientifica sottoscritto il 27 maggio del 2016, che si propone operativamente di favorire lo scambio dell'informazione documentale e archivistica riguardante il mondo arbëresh localizzato in Albania e quello riguardante il mondo albanese localizzato in Italia. Grazie a questo accordo, che segue altri accordi importanti firmati dalla Fondazione F. Solano con l'Accademia delle Scienze d'Albania e la Biblioteca Nazionale di Tirana, il Fondo Girolamo De Rada e il Fondo Terenzio Tocci sono già consultabili in versione digitale presso la sede operativa della Fondazione, presso il Laboratorio di Albanologia del Dipartimento di Culture, Educazione e Società dell'UNICAL. Il Punto-Archivio dell'UNICAL per ricordare e onorare l'impegno di ricerca del compiantoalbanologoGiovanniBelluscio, prematuramente scomparso due anni addietro, è stato aluiintitolatocon sistemazione nellospazio delsuostudio.Altri Punti-Archivio della struttura archivistica nazionale albanese in questa fase di avvio del progetto in Italia saranno attivati presso il Comune di Frascineto, sede storica della Fondazione, presso il Laboratorio di Albanologia dell'Università di Palermo, tra i più rinomati centri internazionali di ricerca sugli Arbëreshë, in occasione della sua intitolazione al compianto prof. Antonino Guzzetta, già titolare della cattedra albanologica palermitana tra il 1975e il 1997e presso la Biblioteca con annesso Archivio, recentemente recuperato e ordinato, dello storico Seminario dell'Eparchia di Piana degli Albanesi. Dopo questa fase di avvio si prevede l'attivazione di altri Punti-Archivio nelle sedi di altri Comuni italo-albanesi che fossero interessati a usufruire gratuitamente dei servizi(fondi archivistici già digitalizzati, banche dati ed eventuale creazione di fondi locali speciali arbëreshë - documentali, fotografici, audio, video - da inserire in rete nel circuito dell'Archivio di Stato albanese), potendo contare sulle altissime e aggiornate competenze della Direzione Generale degli Archivi d'Albania, l'unica abilitata professionalmente e preposta istituzionalmenteaoccuparsidiarchivinellerelazionitral'Italiael'Albania alla luce del recentissimo accordo di cooperazione culturale tra Italia e Albania firmato lo scorso 6 giugno a Tirana per la parte italiana dal Ministro Dario Franceschini e per la parte albanese dalla Ministra Elva Margariti.

Quotidiano del Sud

 

 

Ka sënduqi...

ATTUALITÀ

Giovedì, Novembre 18, 2004 Luigi Boccia Chiesa e Religione 6787
Discorso pronunciato da S.E. il Card. Camillo...
Lunedì, Gennaio 23, 2006 Luigi Boccia Chiesa e Religione 9963
Secondo la tradizione, i territori dell’attuale...

LA LINGUA - GJUHA JONE

Domenica, Novembre 13, 2005 Luigi Boccia Grammatica 19848
Pagina in allestimento Seleziona la lettera dal menù qui accanto ==> .
Martedì, Marzo 07, 2006 Pietro Di Marco Aspetti generali 10266
E ardhmja e natës agimi. Ti e prite. E ardhmja e agimit dita e plotë. Ti e rrove. E ardhmja e ditës mbrëmja. Ti u krodhe në të. E ardhmja e mbrëmjes...