Il Pontificio Collegio Corsini degli Albanesi di Calabria

Scritto da Archimandrita Eleuterio F. Fortino il . In San Benedetto Ullano - Shën Benedhiti

Riportiamo un articolo di mons. Eleuterio F. Fortino sulla nuova pubblicazione sul Collegio degli Albanesi di Calabria di Maria Franca Cucci. Il nuovo studio, scritto sulla base di una documentazione archivistica, completa quello classico di A. Zavarroni sulle origini di quel Collegio. Lo studio della Cucci copre l'intero arco storico (1732-1923):
.


 

I precedenti

Una Comunità minoritaria, e specialmente in diaspora, non può sopravvivere a lungo senza un solido supporto della propria cultura che costituisce per essa il sicuro fondamento e un cemento della propria identità. A questo scopo si indirizzano le istituzioni e gli strumenti che promuovono la dimensione culturale. Gli albanesi di Calabria e dell'Italia continentale, che per l'aspetto religioso vivevano nella tradizione liturgica bizantina, immigrati in Italia in varie riprese nei secoli XV-XVI, hanno ricevuto questo essenziale sostegno da un Collegio appositamente creato per loro nel 1732 da Papa Corsini, Clemente XII. Questa istituzione di formazione culturale e teologica che poteva conferire anche la laurea in Sacra Teologia  (Bolla Praeclara Romanorum del 1739), assieme alla connessa creazione di un vescovo ordinante per il rito greco, ha costituito l'asse portante della vita della Comunità cattolica bizantina in Calabria. Un accurato e documentato studio ora ricostruisce, con amore ed acribia, la sua storia bicentenaria e descrive il suo vitale contributo culturale e spirituale (Maria Franca Cucci, Il Pontificio Collegio Corsini degli Albanesi di Calabria - Evoluzione storica e processo di laicizzazione, Brenner Editore, 2008, pp. 424). La pubblicazione, basata su una documentazione, per la maggior parte inedita, reperita negli archivi ecclesiastici (Congregazione di Propaganda Fide, Congregazione per le Chiese Orientali) e civili (Archivio Centrale dello Stato, Archivio di Stato di Napoli, Archivio Storico-Diplomatico del Ministero degli Esteri, Archivio di Stato di Cosenza), è inserita nella specialistica collana "Biblioteca degli Albanesi d'Italia" dell'Editore Brenner di Cosenza e diretta da Italo C. Fortino dell'Università degli Studi "L'Orientale" di Napoli.

Nella stessa collana, la pubblicazione è stata preceduta dalla ristampa di due opere fondamentali sull'argomento: la Storia del Rito Greco in Italia di Pietro Pompilio Rodotà, scriptor graecus della Biblioteca Apostolica Vaticana, in tre volumi, Roma 1758, 1760, 1763; e la Storia del Collegio Corsini di S. Benedetto Ullano dello studioso calabrese A. Zavarroni, Napoli 1750. Le ripubblicazioni hanno avuto luogo rispettivamente nel 1984 e nel 2001. La storia dello Zavarroni riguarda direttamente "L'erezione del Pontificio Collegio Corsini Italo-Greco di Ullano e l'Istituzione del vescovo titolare di rito greco per l'istruzione degli Italo-Albanesi del medesimo rito e per la promozione ai Sacri Ordini". La sua ristampa è stata arricchita da una prefazione dello storico Francesco Russo e da una postfazione del curatore Domenico Morelli. Anche alla ristampa anastatica dei tre volumi di Pietro Pompilio Rodotà è stato premesso un ampio studio introduttivo di aggiornamento di Vittorio Peri, pure egli scriptor graecus della Biblioteca Apostolica Vaticana, su "Pietro Pompilio Rodotà e gli studi sulla Chiesa bizantina in Italia" (vol. I, pp. 5-76). Il Peri nella sezione sulla Chiesa italo-albanese osserva: "Una delle caratteristiche più salienti dell'immigrazione definitiva in Italia di intere comunità albanesi...è rappresentata dalla conservazione da parte loro non solo del rito greco-bizantino nella liturgia, ma anche del proprio clero e della struttura gerarchica e della disciplina canonica proprie della Chiesa d'Oriente". Nello studio del Peri vengono presentati i nuovi contributi bibliografici sull'intera vicenda della Chiesa bizantina in Italia, tanto della fase italo-greca (sec. VI-XVI) quanto di quella italo-albanese (sec. XV-XX).

 

La ricerca della Cucci

La nuova ricerca della Cucci abbraccia l'intera storia del Collegio Corsini: la sua erezione (1732), la sua evoluzione, il decisivo ruolo ecclesiale e culturale esercitato, e specialmente dopo l'unità d'Italia il progressivo allontanamento dal suo scopo religioso iniziale fino alla completa laicizzazione, a causa di interferenze ideologiche risorgimentali e massoniche, finendo per diventare un generico ginnasio-liceo statale (1923). E' stata comunque una storia nobile di una istituzione voluta dalla Santa Sede in favore di una espressione ecclesiale bizantina nell'ambito della Chiesa latina. Quella istituzione ha garantito la sopravvivenza della Comunità bizantino-albanese, quale presenza culturalmente dinamica in permanente contatto con la Chiesa latina circostante forgiando, non sempre senza tensioni, una mentalità di reciproca comprensione e di comunione nella legittima varietà di tradizioni liturgiche e disciplinari. La presa di coscienza del principio della legittima varietà, al di là della semplice disposizione alla tolleranza, ha costituito un elemento ecclesiologico importante.

Lo studio della Cucci, sulla base di una ampia documentazione, indaga le ragioni della fondazione di una tale istituzione sintetizzate nell'espressione "per la salvaguardia della Chiesa greca in Italia", quindi presenta la fondazione sulla base delle bolle pontificie, le regole per la vita interna del collegio: formativa, didattica, culturale e spirituale. In seguito si ripercorre l'evoluzione del Collegio nelle sue due fasi in cui chiaramente si distingue: prima a S. Benedetto Ullano (1732-1794) e quindi a S. Demetrio Corone dopo il trasferimento nell'antico monastero basiliano di S. Adriano (1794-1923). In questa seconda fase particolare rilievo viene dato all'analisi del Risorgimento che registra un rifiorire degli studi classici e letterari con una accentuazione dello spirito di azione politica che ha determinato una massiccia partecipazione alle lotte antiborboniche e una aperta ed attiva adesione alla lotta di Garibaldi. Non senza influsso di questa temperie culturale maturò il gesto eversivo di Agesilao Milano, ex alunno del Collegio, il quale ha tentato di assassinare il re Ferdinando II di Napoli.

Viene poi attentamente analizzata ed esposta la vicenda del Collegio durante il Regno d'Italia con le alterne vicende di tentativi di ridargli il suo orientamento ispiratore ed iniziale e di tendenze alla sua laicizzazione. L'ultimo capitolo è dedicato alla creazione dell'Eparchia di Lungro (1919) che può essere considerata come lo sbocco naturale e positivo dell'intera vicenda del Pontificio Collegio Corsini e della presenza in esso sin dalla creazione di un vescovo ordinante quale presidente del Collegio stesso. Agli albanesi di Calabria di tradizione bizantina venivano riconosciuti i diritti di normale Chiesa locale bizantina nella comunione cattolica. In tutta questa vicenda, durante i quasi due secoli di vita del Collegio, l'appoggio della Santa Sede è stato vigile e generoso. Alla conclusione del Collegio come seminario, la Santa Sede ha creato per gli italo-albanesi di Calabria e di Sicilia il Pontificio Seminario Benedetto XV a Grottaferrata (1918), disponendo che gli studi filosofici e teologici venissero compiuti negli Atenei romani con residenza nel Pontificio Collegio Greco di S. Atanasio.

La pubblicazione viene strutturata sulla successione e sull'azione dei singoli vescovi presidenti dal primo vescovo ordinante Felice Samuele Rodotà (1736) al primo vescovo ordinario della nuova eparchia di Lungro e rettore di S. Adriano Giovanni Mele (1919). Emergono tutti i problemi affrontati e le soluzioni date per gli aspetti istituzionali, economici, strutturali, formativi e sociali.

L'interesse prioritario dello studio è quello ecclesiale, per cui si insiste particolarmente sul suo ruolo a servizio della Comunità bizantina di Calabria - segnalando il servizio reso, le esigenze e le carenze di formazione liturgica, disciplinare e spirituale relative alla tradizione bizantina - e nello stesso tempo sul contributo dato alla formazione culturale albanese.

Nell'Istituto fu creata una cattedra di lingua e letteratura albanese e da quel Collegio, oltre al clero di rito greco, uscirono poeti, cultori delle tradizioni albanesi, scrittori in lingua albanese come (Giulio Variboba, Girolamo De Rada, Giuseppe Serembe, Francesco Santori, ecc.), ma anche giuristi e politici a livello nazionale come Pasquale Scura, ministro degli Affari Ecclesiastici al tempo di Garibaldi, Domenico Mauro, promotore dello spirito mazziniano della Giovane Italia in Calabria e Domenico Damis, generale dell'esercito regio.

L'esposizione dei lineamenti storici del Collegio è rigorosamente documentato in note di precisione certosina. Inoltre più della metà del volume (pp. 185-424) contiene un'ampia selezione di documenti che racchiude gli elementi trattati nell'esposizione. Si tratta di 125 testi, quasi tutti inediti, che sorreggono l'esposizione storica e nello stesso tempo aprono a nuove ricerche.

 

Un contributo ecclesiale specifico

Nella conclusione viene "giudicato in modo decisamente positivo il contributo del Collegio alla storia degli Albanesi d'Italia", tanto per l'aspetto civile quanto per quello peculiare religioso. Per l'aspetto culturale-civile la Cucci osserva che, esaurita con il tempo la sua funzione di seminario, il Collegio "come Istituto laico aprì nuovi orizzonti al mondo politico culturale italo-albanese ed albanese stesso; maturò in quelle comunità una nuova identità etnico-culturale in tutti i suoi valori". Per l'aspetto formativo - religioso in modo particolare, aspetto che costituiva il carattere specifico dell'istituzione, vengono messi in rilievo i vari traguardi raggiunti e, nello stesso tempo, rilevate varie carenze per influssi esterni e per debolezze interne che ebbero serie incidenze negative.

A questo proposito la Cucci scrive: "Nonostante la sua laicizzazione il Collegio ha richiamato con i mezzi di cui disponeva, l'attenzione sulle esigenze spirituali degli italo-albanesi, che, proprio in virtù di quel Collegio, hanno potuto conservare la loro tradizione religiosa. In  effetti fino all'ultimo, pur tra carenze, difficoltà e contrasti, ha continuato a formare il clero italo-greco di Calabria, il quale è stato sempre difensore convinto dei valori spirituali e umani della minoranza albanese in Italia".

L'Istituto è stato una fucina di educazione culturale e religiosa. Ed anche luogo in cui la tradizione bizantina non soltanto è stata conservata, ma anche, con i pochi mezzi a disposizione, incarnata nella cultura del luogo con il risultato della creazione di una tradizione locale, con l'adattamento del typikòn comune bizantino, in aspetti liturgici (paraliturgie, canto, ecc.) e disciplinari, di cui rimangono tuttora tracce consistenti, nonostante la chiara prevalenza, nell'ultimo mezzo secolo, della tradizione neobizantina greca nell'ordo liturgico, nel canto e nell'iconografia (Besa/Roma).

 

Da Besa Maggio 2008 

Блогът Click here очаквайте скоро..

Full premium Here download theme for CMS

Bookmaker Bet365.gr The best odds.

IMAGE
Scoperto l’anno di nascita del poeta albanese sangiorgese Giulio Variboba
La ricerca sul poeta D. Giulio Varibobba non finisce mai di stupire. Sono stati rintracciati ultimamente importanti fonti documentali presso archivi pubblici e privati sulla comunità di San Giorgio Albanese in provincia di Cosenza.
La ricerca sul poeta D. Giulio Varibobba non finisce mai di stupire. Sono stati rintracciati ultimamente importanti fonti documentali presso archivi pubblici e privati sulla comunità di San Giorgio Albanese in provincia di Cosenza. Read More...
IMAGE
Gjitonia te fshati global
Ndoshta ngë mënd të njihen vetat o bashkësìtë nga llargu: dëftohen neve vetëm tue u jetuar përkrahu atyre, tue i dashur. “Një njohje e madhe ë’ bijë e njëi dashurìe”: ndjenjat, nëse të dëlirë, ngë janë të rreme. Kerkoj te zëmbra e njerìut dhe gjej patëmetësì (/ndershmërì), parimësì, e vërtetë dhe kushtin e mundësìsë fizike, psikike, shpirtërore shpëtuese të njëi bote të globalizuame dhe në ndryshim të shpejtë. Për këtë, pikërisht tue vërejtur atje ku duket e zhdukur zëmbra, kërkoj të gjej gjurmën e ndonjëi mundësìe të aftë të bejë të ringjallet lirìa e brëndshme dhe hapja ndaj tjerëvet.
Ndoshta ngë mënd të njihen vetat o bashkësìtë nga llargu: dëftohen neve vetëm tue u jetuar përkrahu atyre, tue i dashur. “Një njohje e madhe ë’ bijë e njëi dashurìe”: ndjenjat, nëse të dëlirë, ngë janë të rreme. Kerkoj te zëmbra e njerìut dhe gjej patëmetësì (/ndershmërì), parimësì, e vërtetë dhe kushtin e mundësìsë fizike, psikike, shpirtërore shpëtuese të njëi bote të globalizuame dhe në ndryshim të shpejtë. Për këtë, pikërisht tue vërejtur atje ku duket e zhdukur zëmbra, kërkoj të gjej gjurmën e ndonjëi mundësìe të aftë të bejë të ringjallet lirìa e brëndshme dhe hapja ndaj tjerëvet. Read More...
IMAGE
Gerbidi e maggesi
E’ trascorso più di un secolo dai forse dimenticati “Moti di Palazzo Adriano”: una sollevazione contadina contro il padronato, motivata dalla ‘pretesa’ d’aumentare la propria quota spettante in grano dal 25% al 30% del raccolto, sollevazione sedata nel sangue. Allora la terra del mio paese dava da vivere ad una popolazione doppia rispetto a quella attuale. Purtroppo però l’inevitabile incremento demografico, dovuto a migliori condizioni igieniche e sanitarie e alla diminuzione della mortalità infantile, produceva una lenta ma continua emigrazione verso ‘il nuovo mondo’.
E’ trascorso più di un secolo dai forse dimenticati “Moti di Palazzo Adriano”: una sollevazione contadina contro il padronato, motivata dalla ‘pretesa’ d’aumentare la propria quota spettante in grano dal 25% al 30% del raccolto, sollevazione sedata nel sangue. Allora la terra del mio paese dava da vivere ad una popolazione doppia rispetto a quella attuale. Purtroppo però l’inevitabile incremento demografico, dovuto a migliori condizioni igieniche e sanitarie e alla diminuzione della mortalità infantile, produceva una lenta ma continua emigrazione verso ‘il nuovo mondo’. Read More...
IMAGE
Contributo per la costruzione di un PROGETTO POLITICO per L’AUTONOMIA dell’ARBȄRIA
L’Arbëria deve occupare il posto che merita nell’acceso dibattito politico in essere sulla rinascita dell’Europa delle piccole Patrie, dibattito che rappresenta una ferita aperta per l’establishment burocratico di Bruxelles il quale deve dare forzosamente il consenso istituzionale ai governi centrali degli Stati nazionali, ma si sente in difficoltà rispetto alle legittime richieste di autonomia da parte di numerose regioni e territori europei.
L’Arbëria deve occupare il posto che merita nell’acceso dibattito politico in essere sulla rinascita dell’Europa delle piccole Patrie, dibattito che rappresenta una ferita aperta per l’establishment burocratico di Bruxelles il quale deve dare forzosamente il consenso istituzionale ai governi centrali degli Stati nazionali, ma si sente in difficoltà rispetto alle legittime richieste di autonomia da parte di numerose regioni e territori europei. Read More...
IMAGE
Assegnato al teologo ortodosso Ioannis Kourempeles il premio Ratzinger 2016
I vincitori del Premio Ratzinger 2016 - che sarà assegnato il 26 novembre nel Palazzo apostolico in Vaticano - sono Inos Biffi e Ioannis Kourempeles.  
I vincitori del Premio Ratzinger 2016 - che sarà assegnato il 26 novembre nel Palazzo apostolico in Vaticano - sono Inos Biffi e Ioannis Kourempeles.   Read More...
IMAGE
Parë sè èrret - Prima che faccia buio
Gli uomini generosi e valorosi vivono la vita migliore;essi non hanno timore.Invece un codardo ha paura di tutto,l’avaro ha sempre paura dei doni”.Hávámal (Poema della Edda scandinava)*
Gli uomini generosi e valorosi vivono la vita migliore;essi non hanno timore.Invece un codardo ha paura di tutto,l’avaro ha sempre paura dei doni”.Hávámal (Poema della Edda scandinava)* Read More...
IMAGE
Nel libro "Vagabolario" spazio anche agli arbëreshë
Titolo: Francesco Severini - Vagabolario Sottotitolo: Viaggio miniato tra le leggende dei piccoli popoli nelle isole linguistiche d’Italia Info editoriali: Prospettiva Editrice, Civitavecchia, 2016; br., pp. 264.
Titolo: Francesco Severini - Vagabolario Sottotitolo: Viaggio miniato tra le leggende dei piccoli popoli nelle isole linguistiche d’Italia Info editoriali: Prospettiva Editrice, Civitavecchia, 2016; br., pp. 264. Read More...
IMAGE
Influenza arbëreshë nella gastronomia meridionale
Nel volume di Gennaro Avano intitolato “La minestra è maritata, un ritratto storico della gastronomia meridionale” in cui è stato analizzato, tra gli argomenti, il tema dell’influenza arbëreshë nella gastronomia meridionale.
Nel volume di Gennaro Avano intitolato “La minestra è maritata, un ritratto storico della gastronomia meridionale” in cui è stato analizzato, tra gli argomenti, il tema dell’influenza arbëreshë nella gastronomia meridionale. Read More...
IMAGE
Francesco Majone - Diario di un carabiniere calabrese in terra d'Albania
"Sul recupero della Memoria resistenziale, ho il piacere di annunciarvi che è stato pubblicato il Diario di Francesco Majone, carabiniere e soldato calabrese che prese parte alla Grande Guerra e al secondo conflitto mondiale.
"Sul recupero della Memoria resistenziale, ho il piacere di annunciarvi che è stato pubblicato il Diario di Francesco Majone, carabiniere e soldato calabrese che prese parte alla Grande Guerra e al secondo conflitto mondiale. Read More...
IMAGE
Delegazione a Tirana per rinsaldare i legami con l'Arberia
Positiva la visita in Albania effettuata nei giorni scorsi in occasione del 550esimo anniversario della morte di Skanderbeg.
Positiva la visita in Albania effettuata nei giorni scorsi in occasione del 550esimo anniversario della morte di Skanderbeg. Read More...
IMAGE
Circolare del Vescovo di Lungro: gennaio 2018
Carissimi, con sentimenti di sincera stima rivolgo il mio augurio di “Buon Anno 2018” a tutti Voi Presbiteri, Diaconi, Religiose e Fedeli Laici della cara Eparchia di Lungro.
Carissimi, con sentimenti di sincera stima rivolgo il mio augurio di “Buon Anno 2018” a tutti Voi Presbiteri, Diaconi, Religiose e Fedeli Laici della cara Eparchia di Lungro. Read More...
IMAGE
Presentazione del libro "Shoku sindk"
Stasera, a San Demetrio Corone, viene presentato il nuovo libro di Damiano Guagliardi: "Shoku sindk". Un libro intervista che ripercorre la storia di un territorio, seguendo la parabola biografica di Damiano Bua, dai primi passi, da ragazzo, nel Partito comunista, a quelli della lotta che sconfisse il latifondo, fino alla elezione alla carica di sindaco di San Cosmo Albanese (Strighàri in arberesh) che ha ricoperto dal 1971 al 1988.
Stasera, a San Demetrio Corone, viene presentato il nuovo libro di Damiano Guagliardi: "Shoku sindk". Un libro intervista che ripercorre la storia di un territorio, seguendo la parabola biografica di Damiano Bua, dai primi passi, da ragazzo, nel Partito comunista, a quelli della lotta che sconfisse il latifondo, fino alla elezione alla carica di sindaco di San Cosmo Albanese (Strighàri in arberesh) che ha ricoperto dal 1971 al 1988. Read More...
IMAGE
Il giardino dei sensi
Sensi e spiritualità: due parole in apparenza contraddittorie. Eppure tutta la Bibbia brulica di personaggi e di scene sensuali, come un "giardino delle delizie" in cui la vista, l'udito, il tatto, il gusto e l'odorato celebrano il loro festino. .
Sensi e spiritualità: due parole in apparenza contraddittorie. Eppure tutta la Bibbia brulica di personaggi e di scene sensuali, come un "giardino delle delizie" in cui la vista, l'udito, il tatto, il gusto e l'odorato celebrano il loro festino. . Read More...
IMAGE
Discorso di Papa Paolo VI in occasione del IV centenario del Collegio Greco di Roma
Sabato, 30 aprile 1977 Venerati Fratelli e carissimi Figli! Ispirato ad intonazione di profonda letizia, dopo i bei canti liturgici e le devote parole del Signor Cardinale Paul Philippe, è l'odierno incontro, il quale, se di per sé si collega ad una ricorrenza quattro volte centenaria - quella della fondazione in Roma del Collegio Greco di S. Atanasio - si apre, peraltro, e si allarga nella visione della Chiesa d'Oriente, che con la Chiesa Latina forma l'unica ed indivisa Chiesa di Cristo. Il Nostro saluto, come alle Autorità religiose qui presenti, si dirige naturalmente a voi, Alunni e Superiori del Collegio, perché siete voi i festeggiati; e si rivolge ancora ai condiscepoli degli altri Istituti eretti nell'Urbe per l'educazione del Clero di rito orientale, perché tutti insieme voi ponete dinanzi ai nostri occhi questa consolante realtà di coesione ecclesiale. .
Sabato, 30 aprile 1977 Venerati Fratelli e carissimi Figli! Ispirato ad intonazione di profonda letizia, dopo i bei canti liturgici e le devote parole del Signor Cardinale Paul Philippe, è l'odierno incontro, il quale, se di per sé si collega ad una ricorrenza quattro volte centenaria - quella della fondazione in Roma del Collegio Greco di S. Atanasio - si apre, peraltro, e si allarga nella visione della Chiesa d'Oriente, che con la Chiesa Latina forma l'unica ed indivisa Chiesa di Cristo. Il Nostro saluto, come alle Autorità religiose qui presenti, si dirige naturalmente a voi, Alunni e Superiori del Collegio, perché siete voi i festeggiati; e si rivolge ancora ai condiscepoli degli altri Istituti eretti nell'Urbe per l'educazione del Clero di rito orientale, perché tutti insieme voi ponete dinanzi ai nostri occhi questa consolante realtà di coesione ecclesiale. . Read More...
Typikà locali parrocchiali nella chiesa arbëreshe
Nel passato circolavano tra le Comunità arbëreshe di Calabria, oltre a typikà bizantini stampati generalmente a Venezia, comodi rubricari manoscritti che riproducevano le norme generali, ma introducevano anche elementi locali. Per una storia autentica dell’evoluzione storica della tradizione bizantina tra gli Arbëreshë è indispensabile conoscere questi documenti che ci riportano  la prassi concreta. .
Nel passato circolavano tra le Comunità arbëreshe di Calabria, oltre a typikà bizantini stampati generalmente a Venezia, comodi rubricari manoscritti che riproducevano le norme generali, ma introducevano anche elementi locali. Per una storia autentica dell’evoluzione storica della tradizione bizantina tra gli Arbëreshë è indispensabile conoscere questi documenti che ci riportano  la prassi concreta. . Read More...
IMAGE
Giorgio Castriota Skanderbeg tra storia e mito
La parrocchia greca di Cosenza dell'Eparchia di Lungro e, in particolare, il parroco protopresbitero Pietro Lanza, stanno ricordando nel corso di questa settimana l'eroe albanese Giorgio Kastriota Skanderbeg a 550 anni dalla sua morte. Oltre ai vari eventi segnalati sul calendario di Jemi.it, è stata diffusa anche una monografia contenuta nel volume I Padroni dell’Acciaio, scritta da Gabriele Campagnano Zweilawyer e illustrata da Francesco Saverio Ferrara.
La parrocchia greca di Cosenza dell'Eparchia di Lungro e, in particolare, il parroco protopresbitero Pietro Lanza, stanno ricordando nel corso di questa settimana l'eroe albanese Giorgio Kastriota Skanderbeg a 550 anni dalla sua morte. Oltre ai vari eventi segnalati sul calendario di Jemi.it, è stata diffusa anche una monografia contenuta nel volume I Padroni dell’Acciaio, scritta da Gabriele Campagnano Zweilawyer e illustrata da Francesco Saverio Ferrara. Read More...
IMAGE
Il Padre di tutti, l’Amico di sempre
“Ci sono uomini che lottano un giorno e sono bravi, altri che lottano un anno e sono più bravi, ci sono quelli che lottano più anni e sono ancora più bravi, però ci sono quelli che lottano tutta la vita: essi sono gli indispensabili”.                                                                    Bertolt BrechtIl tempo scorre inesorabilmente, i modi di vita cambiano sempre più rapidamente, poche cose permangono, così come i sentimenti, forse perché sanno di eternità. E il “sentimento del ricordo”, anche se in modo diverso da individuo a individuo, vive sempre in ognuno.
“Ci sono uomini che lottano un giorno e sono bravi, altri che lottano un anno e sono più bravi, ci sono quelli che lottano più anni e sono ancora più bravi, però ci sono quelli che lottano tutta la vita: essi sono gli indispensabili”.                                                                    Bertolt BrechtIl tempo scorre inesorabilmente, i modi di vita cambiano sempre più rapidamente, poche cose permangono, così come i sentimenti, forse perché sanno di eternità. E il “sentimento del ricordo”, anche se in modo diverso da individuo a individuo, vive sempre in ognuno. Read More...
IMAGE
Spigolature storico-biografiche del siculo-arbëresh Francesco Crispi nel 195° anniversario della nascita
Nacque a Ribera (Agrigento) il 4 ottobre 1818, compì i primi studi nel seminario greco-albanese di Palermo, e si laureò in Giurisprudenza nel 1837. L’anno dopo sposò Rosa D’Angelo che morì nel 1840. Nel 1839, Francesco Crispi (1) aveva fondato e diresse poi per tre anni, il giornale “L’ORETEO”. Nel 1844 si presentò a un concorso per la magistratura, riuscendo primo, ma in seguito rinunciò per esercitare l’avvocatura a Napoli. Intanto si occupava di politica, svolgendo idee e propaganda liberali.
Nacque a Ribera (Agrigento) il 4 ottobre 1818, compì i primi studi nel seminario greco-albanese di Palermo, e si laureò in Giurisprudenza nel 1837. L’anno dopo sposò Rosa D’Angelo che morì nel 1840. Nel 1839, Francesco Crispi (1) aveva fondato e diresse poi per tre anni, il giornale “L’ORETEO”. Nel 1844 si presentò a un concorso per la magistratura, riuscendo primo, ma in seguito rinunciò per esercitare l’avvocatura a Napoli. Intanto si occupava di politica, svolgendo idee e propaganda liberali. Read More...
IMAGE
Per conoscere le vicende storiche del Concilio di Firenze (1431-1439)
Papas Pietro Lanza, parroco della Chiesa del Santissimo Salvatore di Cosenza, afferente all’Eparchia di Lungro, ha organizzato per giovedì 25 gennaio 2018, con inizio alle ore 16,30, un interessante simposio, per conoscere le vicende storiche che hanno portato a celebrare il Concilio di Firenze (1431-1439), che ha sancito – per un breve periodo – l’unificazione della Chiesa Cattolica con quella Ortodossa.
Papas Pietro Lanza, parroco della Chiesa del Santissimo Salvatore di Cosenza, afferente all’Eparchia di Lungro, ha organizzato per giovedì 25 gennaio 2018, con inizio alle ore 16,30, un interessante simposio, per conoscere le vicende storiche che hanno portato a celebrare il Concilio di Firenze (1431-1439), che ha sancito – per un breve periodo – l’unificazione della Chiesa Cattolica con quella Ortodossa. Read More...
IMAGE
Divina Liturgia di Mons. Oliverio presso il "Presepe dei netturbini" a Roma
Le Associazioni: “Brutium” e “Cuore di Abele”, hanno organizzato, il il giorno 19 Dicembre 2017, alle h. 17,30, presso il Presepe dei netturbini (AMA), in via Cavalleggeri, 5 a Roma, la celebrazione della Divina Liturgia  in rito bizantino-greco, celebrata da S. E. Mons. Donato Oliverio, Vescovo dell'Eparchia di Lungro. 
Le Associazioni: “Brutium” e “Cuore di Abele”, hanno organizzato, il il giorno 19 Dicembre 2017, alle h. 17,30, presso il Presepe dei netturbini (AMA), in via Cavalleggeri, 5 a Roma, la celebrazione della Divina Liturgia  in rito bizantino-greco, celebrata da S. E. Mons. Donato Oliverio, Vescovo dell'Eparchia di Lungro.  Read More...
IMAGE
Sacerdoti dell'Eparchia di Lungro all'Unical
Riprendono gli appuntamenti della Parrocchia Greca del SS. Salvatore di Cosenza con gli studenti arberesh dell'Università della Calabria. Il parroco, protopresbitero Pietro Lanza, sarà disponibile ogni  Martedì dalle 9 alle 12 presso la CAPPELLA DELL'Università della Calabria retta dai Padri Dehoniani per il dialogo, l'accompagnamento spirituale, il Sacramento della Riconciliazione. .
Riprendono gli appuntamenti della Parrocchia Greca del SS. Salvatore di Cosenza con gli studenti arberesh dell'Università della Calabria. Il parroco, protopresbitero Pietro Lanza, sarà disponibile ogni  Martedì dalle 9 alle 12 presso la CAPPELLA DELL'Università della Calabria retta dai Padri Dehoniani per il dialogo, l'accompagnamento spirituale, il Sacramento della Riconciliazione. . Read More...
L'arbëreshë fuori dalla RAI: coro di proteste
Il Presidente della Fondazione Unical “ Francesco Solano” Cosenza e Professore di Albanologìa all’Università della Calabria, Francesco ALTIMARI, ha denunciato, attraverso i mass-media nei giorni scorsi oltre che su “La nuova Provincia” di Cosenza, la forte ed iniqua “discriminazione” perpetrata dalla nuova Riforma RAI-TV nei riguardi di alcune Minoranze linguistiche Storiche ( di cui alla Legge nazionale n.482/99) fra cui l’Arbereshe (Albanese d’Italia).
Il Presidente della Fondazione Unical “ Francesco Solano” Cosenza e Professore di Albanologìa all’Università della Calabria, Francesco ALTIMARI, ha denunciato, attraverso i mass-media nei giorni scorsi oltre che su “La nuova Provincia” di Cosenza, la forte ed iniqua “discriminazione” perpetrata dalla nuova Riforma RAI-TV nei riguardi di alcune Minoranze linguistiche Storiche ( di cui alla Legge nazionale n.482/99) fra cui l’Arbereshe (Albanese d’Italia). Read More...
IMAGE
Niente programmi RAI in lingua arbëreshe
Siamo alle solite: le minoranze linguistiche per lo Stato italiano non sono tutte uguali! Continua nel nostro Paese la politica di discriminazione verso la minoranza arbëreshe, ma anche verso altre minoranze come i grecanici, gli occitani,  i sardi, i friulani, i catalani, i croati e i franco-provenzali.
Siamo alle solite: le minoranze linguistiche per lo Stato italiano non sono tutte uguali! Continua nel nostro Paese la politica di discriminazione verso la minoranza arbëreshe, ma anche verso altre minoranze come i grecanici, gli occitani,  i sardi, i friulani, i catalani, i croati e i franco-provenzali. Read More...
IMAGE
Si fa presto a dire “arbëresh”
Basandosi sulle origini storiche, le comunità italiane che possono dirsi arbëreshe sono circa cinquanta contando una popolazione complessiva di circa centomila persone. Tuttavia, nessuno è oggi in grado di affermare quanti siano ancora coloro che, pur avendo origine italo-albanese, parlano arbëresh e in quali comunità la lingua è persa o si va perdendo.
Basandosi sulle origini storiche, le comunità italiane che possono dirsi arbëreshe sono circa cinquanta contando una popolazione complessiva di circa centomila persone. Tuttavia, nessuno è oggi in grado di affermare quanti siano ancora coloro che, pur avendo origine italo-albanese, parlano arbëresh e in quali comunità la lingua è persa o si va perdendo. Read More...