L'arbëreshë fuori dalla RAI: coro di proteste

Scritto da Donato M. Mazzeo il . In Salvaguardia

Il Presidente della Fondazione Unical “ Francesco Solano” Cosenza e Professore di Albanologìa all’Università della Calabria, Francesco ALTIMARI, ha denunciato, attraverso i mass-media nei giorni scorsi oltre che su “La nuova Provincia” di Cosenza, la forte ed iniqua “discriminazione” perpetrata dalla nuova Riforma RAI-TV nei riguardi di alcune Minoranze linguistiche Storiche ( di cui alla Legge nazionale n.482/99) fra cui l’Arbereshe (Albanese d’Italia).

Niente programmi RAI in lingua arbëreshe

Scritto da Francesco Altimari il . In Salvaguardia

LaProvinciaAltimariSiamo alle solite: le minoranze linguistiche per lo Stato italiano non sono tutte uguali! Continua nel nostro Paese la politica di discriminazione verso la minoranza arbëreshe, ma anche verso altre minoranze come i grecanici, gli occitani,  i sardi, i friulani, i catalani, i croati e i franco-provenzali.

Si fa presto a dire “arbëresh”

il . In Salvaguardia

antica mappa degli insediamenti arbereshe nel sud dellItaliaBasandosi sulle origini storiche, le comunità italiane che possono dirsi arbëreshe sono circa cinquanta contando una popolazione complessiva di circa centomila persone. Tuttavia, nessuno è oggi in grado di affermare quanti siano ancora coloro che, pur avendo origine italo-albanese, parlano arbëresh e in quali comunità la lingua è persa o si va perdendo.

La RAI non tutela la minoranza arbëreshe

Scritto da Gianni Belluscio il . In Salvaguardia

RAICosenzaLe attività che la RAI è tenuta a svolgere per assolvere il compito di servizio al pubblico nel territorio della Repubblica Italiana sono disciplinate dal Contratto Nazionale di Servizio, stipulato tra la RAI Radiotelevisione Italiana e il Ministero di Sviluppo Economico. Nel contratto si fa esplicita menzione alla tutela delle minoranze linguistiche ed è inserito nell’art. 11, comma 1 un richiamo alla legge 482/1999 sulla tutela delle minoranze linguistiche riconosciute.

Articoli suggeriti