pasquaortodossa.jpgI cristiani non celebrano la Pasqua nella stessa data. Anche quest'anno mentre i cristiani d'occidente, cattolici e protestanti, la celebrano il 12 aprile gli orientali la festeggiano una settimana dopo. In occidente e in oriente per il computo del giorno di Pasqua si usano due diversi calendario: quello gregoriano in occidente e quello giuliano in oriente.
.
Qualche anno, per una coincidenza di calcoli, la Pasqua cade lo stesso giorno, altre volte quella orientale viene determinata più tardi e perfino a distanza di un mese. Certo tutti noi cristiani crediamo che Gesù Cristo "il terzo giorno risuscitò". E questo è il fatto decisivo, importante, caratterizzante la fede cristiana.. Tuttavia la differenziazione della celebrazione è un'anomalia grave per la testimonianza cristiana nel mondo.


L'origine della diversità

In occidente nel secolo XVI era stato constatato uno scarto fra la realtà astronomica ed il computo del calendario in uso che rimontava a Giulio Cesare e perciò detto giuliano. In base alle decisioni del Concilio di Trento, il Papa Gregorio XIII aveva chiesto lo studio per la correzione del calendario all'apposita Congregazione presieduta dal cardinale calabrese G. Sirleto. Questi consultò astronomi di chiara fama. Dopo 10 anni di indagine l'astronomo calabrese Luigi Giglio presentò i risultati. Per mettersi al passo con il tempo astronomico occorreva recuperare 10 giorni. Gregorio XIII il 24 febbraio del 1582 emanò la bolla Inter Gravissimas con entrata in vigore nel mese di ottobre. Si aprì una rete diplomatica di contatti con gli stati e con le Chiese per l'accettazione del nuovo calendario. Dopo una fase promettente con il Patriarcato Ecumenico, questi contatti fallirono anche per un pesante intervento delle autorità ottomane, che forse vedevano nell'eventuale accordo un avvicinamento della Chiesa ortodossa all'occidente e quindi una minaccia per lo stesso impero (Cfr. Vittorio Peri, Due date - Un' unica Pasqua, Ed. Vita e Pensiero, Milano 1967). La riforma di Gregorio XIII è stata accolta dai paesi dell'Europa occidentale che l'hanno introdotta in America, Asia e Africa. In seguito vi aderirono anche gli stati dai paesi dell'Europa orientale. Ma fra i cristiani di occidente che accettarono la riforma e le Chiese di oriente si stabilì una diversità che perdura tuttora. Oggi il calendario giuliano ha 13 giorni di ritardo nei confronti del gregoriano.

 

Il Concilio di Nicea (325)

 

La diversità proviene dall'adeguamento o meno del calendario al dato astronomico. Il principio però per stabilire la Pasqua è identico per tutti. E proviene dal primo concilio ecumenico di Nicea (325). Quel concilio era stato convocato dall'imperatore Costantino per portare la pace nell'impero, turbato dalla controversia ariana e dalla divergenza sulla data di Pasqua fra i cristiani d'oriente e di occidente. La decisione presa era che tutti avrebbero dovuto celebrare la Pasqua "nella data dei Romani e degli Alessandrini". Per l'importanza scientifica che aveva la città di Alessandria, è stata incaricata la Chiesa di questa città per determinare e comunicare a tutte le Chiese la data di Pasqua di ogni anno. Il principio emerso è che la Pasqua si celebri la prima domenica dopo la luna piena dopo l'equinozio di primavera (Cfr. I. Ortiz De Urbina, Nicée et Constantinople, Paris 1963). Questo identico principio applicato al calendario giuliano ed a quello gregoriano determina la differenza per la data di Pasqua esistente fra "orientali" ed "occidentali". Quest'ultima espressione comprende una diversità di contenuti. Per "occidentali" si intendono i cattolici latini, i protestanti ed alcune comunità cattoliche orientali come gli italo-albanesi. La Chiesa ortodossa di Finlandia e gli Armeni ortodossi, da parte loro, hanno deciso di celebrare la Pasqua nella data occidentale, mentre i cattolici latini in paesi a maggioranza ortodossa, come quelli di Grecia, celebrano la Pasqua nella data degli ortodossi: Soluzioni pragmatiche queste per celebrare insieme la Pasqua in uno stesso luogo. Rimane comunque che nella configurazione generale orientali e occidentali celebrano la Pasqua in date diverse. Il disagio è comune e le iniziative riemergono di tempo in tempo per l'unificazione.

 

Nuovo calendario ortodosso (1923)

 

In una enciclica (1920) il Patriarca Ecumenico di Costantinopoli sollevava la questione dell'anomalia della data di Pasqua. Nel 1923 il Patriarca Melezio IV convocava a Istanbul una Commissione Interortodossa. Essa si riunì il 24 febbraio e decise un computo aggiornato che quasi coincide con il gregoriano. Questa iniziativa però ha avuto una sorte infelice. Per mantenere la data di Pasqua comune a tutta l'ortodossia si confermò, per la Pasqua, il calendario giuliano. Non si risolveva quindi la questione. Per il resto dell'anno solo le Chiese  di Costantinopoli, Grecia, Romania e Cipro assunsero il nuovo computo. In seguito vi aderirono i Patriarcati di Alessandria, Antiochia e Bulgaria, ma non la Chiesa russa, serba, Gerusalemme e l'Athos. Per questa ragione tra gli stessi ortodossi il Natale non si celebra nello stesso giorno in Russia e in Grecia, in Serbia e in Romania, e perfino sul Monte Athos e in Grecia. In più, nelle Chiese che assunsero il nuovo calendario (Grecia, Romania) si sono separati dalla Chiesa ufficiale dei gruppi con vescovi e clero. Sono i cosiddetti vecchio-calendaristi, o paleoimerologhiti che si dicono "autentici ortodossi". Quando oggi gli ortodossi parlano di "ragioni pastorali" che rendono difficile raggiungere una decisione sulla data di Pasqua, si riferiscono proprio a questa situazione.

 

 Il Concilio Vaticano II

 

Il Concilio Vaticano II ha dato due disposizioni per la data di Pasqua di tipo pragmatico per la celebrazione comune della Pasqua.

La prima riguarda una data "fissa" della Pasqua, indicazione questa del tutto nuova. "Il sacro Concilio non ha nulla in contrario a che la festa di Pasqua venga assegnata ad una determinata Domenica nel calendario gregoriano, purché vi sia l'assenso di coloro che ne sono interessati, soprattutto i fratelli separati dalla Comunione con la Sede Apostolica" (Sacrosanctum Concilium, Appendix). A questa proposta hanno manifestato il loro assenso gli "occidentali". Gli "orientali" si sono mostrati molto reticenti. E' un principio diverso da quello di Nicea.

La seconda indicazione provvisoria viene data per il tempo che precede un definitivo accordo sulla data comune di Pasqua. "Fino a che tra tutti i cristiani non si sarà giunti al desiderato accordo circa la fissazione di un unico giorno per la comune celebrazione della festa di Pasqua, nel frattempo, per promuovere l'unità fra i cristiani che vivono nella stessa regione o nazione, è data facoltà...di accordarsi con unanime consenso e sentiti i pareri degli interessati, sul giorno di Pasqua da celebrarsi una stessa domenica" (Orientalium Ecclesiarum, 20). Questo orientamento ha avuto un certo influsso. Alcune comunità cattoliche latine si sono adattate alla data della maggioranza ortodossa. Così come si è accennato,  i cattolici latini di Grecia, i latini in Etiopia, quelli in Egitto.

 

I contatti continuati tra le Chiese

 

Lo studio della questione resta nelle agende della Chiesa cattolica, del Consiglio Ecumenico delle Chiese e delle Chiese ortodosse.

a) Chiesa cattolica. Dopo varie iniziative (lettera del Papa ai Capi di Chiese, partecipazione a iniziative di altre Chiese e di organismi ecumenici), che si rivelavano senza incidenza pratica, la Chiesa cattolica, nella linea della decisione del Concilio Vaticano II, riconsiderò il problema nel 1975. La consultazione dei dicasteri della Curia romana si concludeva con l'accordo sulla possibilità di cercare la soluzione "per una data fissa della Pasqua che dovrebbe essere una domenica del mese di aprile, preferibilmente la seconda". Questa proposta in seguito si precisò per "la  Domenica che segue il secondo Sabato di aprile". La proposta fatta agli altri cristiani trovava l'accordo degli "occidentali", ma non da parte degli "orientali". Solo la Chiesa di Romania aveva preso con decisione sinodale l'orientamento per una data fissa. Comunque la Chiesa cattolica continuò e continua a porre il problema.

b) Le Chiese ortodosse. La prima Conferenza pan-ortodossa di Rodi (1961) ha inserito nel programma della preparazione del concilio delle Chiese ortodosse il tema del calendario che contiene anche la questione della Pasqua. Il Segretariato per la preparazione del concilio ha organizzato studi ad alto livello.

* Nel 1977 (28 giugno - 3 luglio) ha promosso a Chambésy (Ginevra) un convegno inter-ortodosso di vescovi e di specialisti con la presenza di tre osservatori per la Chiesa cattolica (Eleuterio F. Fortino), la Comunione anglicana ed il CEC (Lukas Vischer). Si considerò l'intera problematica, ma in particolare le implicazioni pastorali per le Chiese ortodosse.

* Nel 1979 (3 febbraio) si confrontarono gli studi degli astronomi consultati (Accademia delle Scienze dell'Urss, l'Istituto astronomico di Heidelberg, l'Osservatorio di Ginevra, il Laboratorio astronomico dell'università di Atene). Ovviamente questi studi mostravano il "ritardo" del calendario giuliano e l'esigenza di una riforma. Tutti gli atti sono pubblicati (Cfr. Synodica, V, Chambésy - Genève 1981, pp.7 - 149)

* Nel 1982 (3 - 12 settembre) la seconda Conferenza pan-ortodossa pre-conciliare prendeva atto dei risultati degli studi fatti e dell'inesattezza del calendario. Tuttavia - affermava - "nella situazione attuale, il popolo fedele di Dio non è preparato o, almeno, non è stato sufficientemente informato per affrontare ed accettare un cambiamento nella questione della determinazione della data di Pasqua".

c) Consiglio Ecumenico delle Chiese (CEC). Ha organizzato diverse consultazioni sull'argomento. Conduceva un'ampia inchiesta presso le Chiese - membro i cui risultati sono stati studiati in una consultazione di specialisti nel marzo del 1970. Vi hanno preso parte ortodossi, anglicani, protestanti e cattolici. La consultazione si orientava verso diverse possibilità che dovrebbero esaminare le Chiese: mantenere il principio di Nicea "usando astronomicamente dati precisi" e "accordandosi su un luogo fisso per il calcolo di questa data"; si suggerì Gerusalemme: celebrare la Pasqua in una domenica di aprile; si preferiva la domenica successiva al secondo sabato di aprile, la domenica tra il 9 ed il 15 aprile.

Il Comitato Centrale del CEC incaricò (1971) la Commissione "Fede e Costituzione" di seguire la questione.

La più recente consultazione si è avuta in Siria ad Aleppo (5 - 10 marzo 1997) organizzata da "Fede e Costituzione" del CEC. Si è conclusa con tre raccomandazioni per la soluzione della data di Pasqua:

a)  Mantenere il principio di Nicea;

b)  Calcolare scientificamente i dati astronomici;

c)  Usare come punto di riferimento per il calcolo il meridiano di Gerusalemme.

Questo orientamento tradizionale contiene l'esigenza nuova di un calcolo astronomico scientificamente aggiornato.

 

Osservazione conclusiva

 

Se le raccomandazioni di quest'ultima consultazione fossero prese in considerazione ed applicate si avrebbe la soluzione tradizionale e moderna nello stesso tempo. Ci sarebbero tutti gli elementi necessari: celebrazione in una Domenica da parte di tutti i cristiani, aderenza al "principio" di Nicea anche per quanto riguarda l'esigenza di precisione astronomica. In quel tempo si era chiesto alla Chiesa di Alessandria di determinare la data di Pasqua proprio per la precisione scientifica. Gli ortodossi comprendono tutto questo. Ciononostante essi non vedono possibile per ora cambiare il calendario per ragioni pastorali. D'altra parte la questione della data di Pasqua è compresa nel programma del prospettato Concilio delle Chiese ortodosse. La questione resta aperta e l'anomalia persiste.

Eleuterio F. Fortino

 

Questo articolo è stato pubblicato su L'Osservatore Romano del 18 aprile 2009

Calendario arbëresh

Ottobre 2022
L M M G V S D
1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31

Prossimi eventi

Nessun evento

Multimedia

IMAGE
Scambio culturale tra il comune di Cerzeto e il liceo “Ernest Koliqi” di Tirana
Il rappresentante di “Italia delle Minoranze” Cataldo Pugliese manifesta con la sua partecipazione, vicinanza e ammirazione al progetto di educazione e scambio culturale realizzato dal comune di Cerzeto e dal liceo “Ernest Koliqi” di Tirana.
Il rappresentante di “Italia delle Minoranze” Cataldo Pugliese manifesta con la sua partecipazione, vicinanza e ammirazione al progetto di educazione e scambio culturale realizzato dal comune di Cerzeto e dal liceo “Ernest Koliqi” di Tirana. Read More...
IMAGE
In ricordo di Pino Cacozza
Sabato 19 marzo, alle ore 16.00, su iniziativa dell’Amministrazione comunale di San Demetrio Corone, ci sarà la cerimonie di posa della targa in memoria dell’artista e poeta Pino Cacozza. (1957 / 2021). Il programma prevede il ritrovo presso la sua casa natia, in via Domenico Mauro; il saluto del Sindaco, dott. Ernesto Madeo e del Consigliere delegato alla cultura, avv. Emanuele D’Amico; il ricordo del Papàs Andrea Quartarolo, parroco di San Demetrio. 
Sabato 19 marzo, alle ore 16.00, su iniziativa dell’Amministrazione comunale di San Demetrio Corone, ci sarà la cerimonie di posa della targa in memoria dell’artista e poeta Pino Cacozza. (1957 / 2021). Il programma prevede il ritrovo presso la sua casa natia, in via Domenico Mauro; il saluto del Sindaco, dott. Ernesto Madeo e del Consigliere delegato alla cultura, avv. Emanuele D’Amico; il ricordo del Papàs Andrea Quartarolo, parroco di San Demetrio.  Read More...
IMAGE
Un chirurgo arbëresh salva una bambina somala
In Calabria si sente spesso parlare di mala sanità, ma tante sono anche eccellenze che lavorano duramente per salvare la vita dei pazienti. Specialmente dei bambini.
In Calabria si sente spesso parlare di mala sanità, ma tante sono anche eccellenze che lavorano duramente per salvare la vita dei pazienti. Specialmente dei bambini. Read More...
IMAGE
Il giardino dei sensi
Sensi e spiritualità: due parole in apparenza contraddittorie. Eppure tutta la Bibbia brulica di personaggi e di scene sensuali, come un "giardino delle delizie" in cui la vista, l'udito, il tatto, il gusto e l'odorato celebrano il loro festino. .
Sensi e spiritualità: due parole in apparenza contraddittorie. Eppure tutta la Bibbia brulica di personaggi e di scene sensuali, come un "giardino delle delizie" in cui la vista, l'udito, il tatto, il gusto e l'odorato celebrano il loro festino. . Read More...
IMAGE
Discorso di Papa Paolo VI in occasione del IV centenario del Collegio Greco di Roma
Sabato, 30 aprile 1977 Venerati Fratelli e carissimi Figli! Ispirato ad intonazione di profonda letizia, dopo i bei canti liturgici e le devote parole del Signor Cardinale Paul Philippe, è l'odierno incontro, il quale, se di per sé si collega ad una ricorrenza quattro volte centenaria - quella della fondazione in Roma del Collegio Greco di S. Atanasio - si apre, peraltro, e si allarga nella visione della Chiesa d'Oriente, che con la Chiesa Latina forma l'unica ed indivisa Chiesa di Cristo. Il Nostro saluto, come alle Autorità religiose qui presenti, si dirige naturalmente a voi, Alunni e Superiori del Collegio, perché siete voi i festeggiati; e si rivolge ancora ai condiscepoli degli altri Istituti eretti nell'Urbe per l'educazione del Clero di rito orientale, perché tutti insieme voi ponete dinanzi ai nostri occhi questa consolante realtà di coesione ecclesiale. .
Sabato, 30 aprile 1977 Venerati Fratelli e carissimi Figli! Ispirato ad intonazione di profonda letizia, dopo i bei canti liturgici e le devote parole del Signor Cardinale Paul Philippe, è l'odierno incontro, il quale, se di per sé si collega ad una ricorrenza quattro volte centenaria - quella della fondazione in Roma del Collegio Greco di S. Atanasio - si apre, peraltro, e si allarga nella visione della Chiesa d'Oriente, che con la Chiesa Latina forma l'unica ed indivisa Chiesa di Cristo. Il Nostro saluto, come alle Autorità religiose qui presenti, si dirige naturalmente a voi, Alunni e Superiori del Collegio, perché siete voi i festeggiati; e si rivolge ancora ai condiscepoli degli altri Istituti eretti nell'Urbe per l'educazione del Clero di rito orientale, perché tutti insieme voi ponete dinanzi ai nostri occhi questa consolante realtà di coesione ecclesiale. . Read More...
Typikà locali parrocchiali nella chiesa arbëreshe
Nel passato circolavano tra le Comunità arbëreshe di Calabria, oltre a typikà bizantini stampati generalmente a Venezia, comodi rubricari manoscritti che riproducevano le norme generali, ma introducevano anche elementi locali. Per una storia autentica dell’evoluzione storica della tradizione bizantina tra gli Arbëreshë è indispensabile conoscere questi documenti che ci riportano  la prassi concreta. .
Nel passato circolavano tra le Comunità arbëreshe di Calabria, oltre a typikà bizantini stampati generalmente a Venezia, comodi rubricari manoscritti che riproducevano le norme generali, ma introducevano anche elementi locali. Per una storia autentica dell’evoluzione storica della tradizione bizantina tra gli Arbëreshë è indispensabile conoscere questi documenti che ci riportano  la prassi concreta. . Read More...
IMAGE
Giorgio Castriota Skanderbeg tra storia e mito
La parrocchia greca di Cosenza dell'Eparchia di Lungro e, in particolare, il parroco protopresbitero Pietro Lanza, stanno ricordando nel corso di questa settimana l'eroe albanese Giorgio Kastriota Skanderbeg a 550 anni dalla sua morte. Oltre ai vari eventi segnalati sul calendario di Jemi.it, è stata diffusa anche una monografia contenuta nel volume I Padroni dell’Acciaio, scritta da Gabriele Campagnano Zweilawyer e illustrata da Francesco Saverio Ferrara.
La parrocchia greca di Cosenza dell'Eparchia di Lungro e, in particolare, il parroco protopresbitero Pietro Lanza, stanno ricordando nel corso di questa settimana l'eroe albanese Giorgio Kastriota Skanderbeg a 550 anni dalla sua morte. Oltre ai vari eventi segnalati sul calendario di Jemi.it, è stata diffusa anche una monografia contenuta nel volume I Padroni dell’Acciaio, scritta da Gabriele Campagnano Zweilawyer e illustrata da Francesco Saverio Ferrara. Read More...
IMAGE
Il Padre di tutti, l’Amico di sempre
“Ci sono uomini che lottano un giorno e sono bravi, altri che lottano un anno e sono più bravi, ci sono quelli che lottano più anni e sono ancora più bravi, però ci sono quelli che lottano tutta la vita: essi sono gli indispensabili”.                                                                    Bertolt BrechtIl tempo scorre inesorabilmente, i modi di vita cambiano sempre più rapidamente, poche cose permangono, così come i sentimenti, forse perché sanno di eternità. E il “sentimento del ricordo”, anche se in modo diverso da individuo a individuo, vive sempre in ognuno.
“Ci sono uomini che lottano un giorno e sono bravi, altri che lottano un anno e sono più bravi, ci sono quelli che lottano più anni e sono ancora più bravi, però ci sono quelli che lottano tutta la vita: essi sono gli indispensabili”.                                                                    Bertolt BrechtIl tempo scorre inesorabilmente, i modi di vita cambiano sempre più rapidamente, poche cose permangono, così come i sentimenti, forse perché sanno di eternità. E il “sentimento del ricordo”, anche se in modo diverso da individuo a individuo, vive sempre in ognuno. Read More...
IMAGE
Spigolature storico-biografiche del siculo-arbëresh Francesco Crispi nel 195° anniversario della nascita
Nacque a Ribera (Agrigento) il 4 ottobre 1818, compì i primi studi nel seminario greco-albanese di Palermo, e si laureò in Giurisprudenza nel 1837. L’anno dopo sposò Rosa D’Angelo che morì nel 1840. Nel 1839, Francesco Crispi (1) aveva fondato e diresse poi per tre anni, il giornale “L’ORETEO”. Nel 1844 si presentò a un concorso per la magistratura, riuscendo primo, ma in seguito rinunciò per esercitare l’avvocatura a Napoli. Intanto si occupava di politica, svolgendo idee e propaganda liberali.
Nacque a Ribera (Agrigento) il 4 ottobre 1818, compì i primi studi nel seminario greco-albanese di Palermo, e si laureò in Giurisprudenza nel 1837. L’anno dopo sposò Rosa D’Angelo che morì nel 1840. Nel 1839, Francesco Crispi (1) aveva fondato e diresse poi per tre anni, il giornale “L’ORETEO”. Nel 1844 si presentò a un concorso per la magistratura, riuscendo primo, ma in seguito rinunciò per esercitare l’avvocatura a Napoli. Intanto si occupava di politica, svolgendo idee e propaganda liberali. Read More...
IMAGE
Sant’Atanasio dei Greci: calendario Grande Quaresima 2022
Riportiamo qui di seguito il programma completo delle celebrazioni della Grande Quaresima e della Grande e Santa Settimana dell'anno 2022 presso la chiesa di Sant'Atanasio dei Greci a Roma. I testi dei riti sono presenti sul sito: www.liturgiabizantina.it
Riportiamo qui di seguito il programma completo delle celebrazioni della Grande Quaresima e della Grande e Santa Settimana dell'anno 2022 presso la chiesa di Sant'Atanasio dei Greci a Roma. I testi dei riti sono presenti sul sito: www.liturgiabizantina.it Read More...
IMAGE
“Arbëria Viva” di Arbër Agalliu premiato a Moda Movie
Il cortometraggio di Arbër Agalliu sulle minoranze linguistiche arbëresh ha ricevuto il premio speciale durante la kermess di moda e cinema "Moda Movie" a Cosenza. 
Il cortometraggio di Arbër Agalliu sulle minoranze linguistiche arbëresh ha ricevuto il premio speciale durante la kermess di moda e cinema "Moda Movie" a Cosenza.  Read More...
Nuovo dominio web: www.liturgiabizantina.it
Pubblichiamo con piacere le nuove coordinate per visitare il sito web di Giovanni Fabriani. Il sito contiene, tra l'altro, una raccolta di testi liturgici utilizzati presso la chiesa di Sant'Atanasio dei Greci in Roma. L'indirizzo è http://www.liturgiabizantina.it
Pubblichiamo con piacere le nuove coordinate per visitare il sito web di Giovanni Fabriani. Il sito contiene, tra l'altro, una raccolta di testi liturgici utilizzati presso la chiesa di Sant'Atanasio dei Greci in Roma. L'indirizzo è http://www.liturgiabizantina.it Read More...
IMAGE
Il presidente albanese Meta chiede che l'arbëresh venga insegnato a scuola
Il presidente della Repubblica, Ilir Meta ha incoraggiato questo sabato i parlamentari italiani a fornire il loro supporto affinchè la lingua arbëreshe venga insegnata nelle scuole dei dei comuni minoritari. 
Il presidente della Repubblica, Ilir Meta ha incoraggiato questo sabato i parlamentari italiani a fornire il loro supporto affinchè la lingua arbëreshe venga insegnata nelle scuole dei dei comuni minoritari.  Read More...
IMAGE
Il Tirana Times lancia l'allarme: l'arbëresh rischia l'estinzione
In Albania, il Tirana Times, rilancia la notizia dell'arbëresh incluso tra le lingue a rischio estinsione. 
In Albania, il Tirana Times, rilancia la notizia dell'arbëresh incluso tra le lingue a rischio estinsione.  Read More...
IMAGE
Giornata internazionale della lingua madre
Quest'anno l'UNESCO dedica la giornata internazionale della lingua madre all'istruzione e all'utilizzo della lingua madre come veicolo linguistico per l'insegnamento. 
Quest'anno l'UNESCO dedica la giornata internazionale della lingua madre all'istruzione e all'utilizzo della lingua madre come veicolo linguistico per l'insegnamento.  Read More...
IMAGE
Scoperto l’anno di nascita del poeta albanese sangiorgese Giulio Variboba
La ricerca sul poeta D. Giulio Varibobba non finisce mai di stupire. Sono stati rintracciati ultimamente importanti fonti documentali presso archivi pubblici e privati sulla comunità di San Giorgio Albanese in provincia di Cosenza.
La ricerca sul poeta D. Giulio Varibobba non finisce mai di stupire. Sono stati rintracciati ultimamente importanti fonti documentali presso archivi pubblici e privati sulla comunità di San Giorgio Albanese in provincia di Cosenza. Read More...
IMAGE
Gjitonia te fshati global
Ndoshta ngë mënd të njihen vetat o bashkësìtë nga llargu: dëftohen neve vetëm tue u jetuar përkrahu atyre, tue i dashur. “Një njohje e madhe ë’ bijë e njëi dashurìe”: ndjenjat, nëse të dëlirë, ngë janë të rreme. Kerkoj te zëmbra e njerìut dhe gjej patëmetësì (/ndershmërì), parimësì, e vërtetë dhe kushtin e mundësìsë fizike, psikike, shpirtërore shpëtuese të njëi bote të globalizuame dhe në ndryshim të shpejtë. Për këtë, pikërisht tue vërejtur atje ku duket e zhdukur zëmbra, kërkoj të gjej gjurmën e ndonjëi mundësìe të aftë të bejë të ringjallet lirìa e brëndshme dhe hapja ndaj tjerëvet.
Ndoshta ngë mënd të njihen vetat o bashkësìtë nga llargu: dëftohen neve vetëm tue u jetuar përkrahu atyre, tue i dashur. “Një njohje e madhe ë’ bijë e njëi dashurìe”: ndjenjat, nëse të dëlirë, ngë janë të rreme. Kerkoj te zëmbra e njerìut dhe gjej patëmetësì (/ndershmërì), parimësì, e vërtetë dhe kushtin e mundësìsë fizike, psikike, shpirtërore shpëtuese të njëi bote të globalizuame dhe në ndryshim të shpejtë. Për këtë, pikërisht tue vërejtur atje ku duket e zhdukur zëmbra, kërkoj të gjej gjurmën e ndonjëi mundësìe të aftë të bejë të ringjallet lirìa e brëndshme dhe hapja ndaj tjerëvet. Read More...
IMAGE
Gerbidi e maggesi
E’ trascorso più di un secolo dai forse dimenticati “Moti di Palazzo Adriano”: una sollevazione contadina contro il padronato, motivata dalla ‘pretesa’ d’aumentare la propria quota spettante in grano dal 25% al 30% del raccolto, sollevazione sedata nel sangue. Allora la terra del mio paese dava da vivere ad una popolazione doppia rispetto a quella attuale. Purtroppo però l’inevitabile incremento demografico, dovuto a migliori condizioni igieniche e sanitarie e alla diminuzione della mortalità infantile, produceva una lenta ma continua emigrazione verso ‘il nuovo mondo’.
E’ trascorso più di un secolo dai forse dimenticati “Moti di Palazzo Adriano”: una sollevazione contadina contro il padronato, motivata dalla ‘pretesa’ d’aumentare la propria quota spettante in grano dal 25% al 30% del raccolto, sollevazione sedata nel sangue. Allora la terra del mio paese dava da vivere ad una popolazione doppia rispetto a quella attuale. Purtroppo però l’inevitabile incremento demografico, dovuto a migliori condizioni igieniche e sanitarie e alla diminuzione della mortalità infantile, produceva una lenta ma continua emigrazione verso ‘il nuovo mondo’. Read More...
L'anno delle minoranze linguistiche
 Nasce un importante progetto per la valorizzazione e il rilancio della cultura minoritaria arbëreshe nel meridione d’Italia. Il progetto è coordinato dalla Fondazione Universitaria Unical “F. Solano” con la partecipazione di cinque atenei italiani (Calabria, Palermo, Salento, Venezia-Ca’ Foscari e Milano “Statale”). E proprio in questi giorni è stata trasmessa alla commissione nazionale Unesco la proposta di candidatura della cultura immateriale degli albanesi d’Italia a patrimonio universale. Il 2021 deve diventare l’anno delle minoranze linguistiche: la Calabria ha un patrimonio di culture (occitana, arbëreshë e grecanica) da difendere, valorizzare e rilanciare in un progetto di ampio respiro che può diventare un’attrazione irresistibile per il turismo culturale ed esperenziale.
 Nasce un importante progetto per la valorizzazione e il rilancio della cultura minoritaria arbëreshe nel meridione d’Italia. Il progetto è coordinato dalla Fondazione Universitaria Unical “F. Solano” con la partecipazione di cinque atenei italiani (Calabria, Palermo, Salento, Venezia-Ca’ Foscari e Milano “Statale”). E proprio in questi giorni è stata trasmessa alla commissione nazionale Unesco la proposta di candidatura della cultura immateriale degli albanesi d’Italia a patrimonio universale. Il 2021 deve diventare l’anno delle minoranze linguistiche: la Calabria ha un patrimonio di culture (occitana, arbëreshë e grecanica) da difendere, valorizzare e rilanciare in un progetto di ampio respiro che può diventare un’attrazione irresistibile per il turismo culturale ed esperenziale. Read More...
IMAGE
Fulmine a ciel sereno
E' fresco di stampa l'annuncio che il Ministro degli Esteri italiano nell'incontro con il suo omologo sloveno, ha promesso il suo interessamento, al fine che la minoranza etnica slovena in Italia abbia una propria rappresentanza nel Parlamento nazionale. Non vogliamo entrare nel merito della notizia in sé, ma alcune considerazioni sono d'obbligo.
E' fresco di stampa l'annuncio che il Ministro degli Esteri italiano nell'incontro con il suo omologo sloveno, ha promesso il suo interessamento, al fine che la minoranza etnica slovena in Italia abbia una propria rappresentanza nel Parlamento nazionale. Non vogliamo entrare nel merito della notizia in sé, ma alcune considerazioni sono d'obbligo. Read More...
IMAGE
Impegno per la presenza in Parlamento alla minoranza slovena: arbëreshë alla finestra
Il ministro degli esteri Di Maio prende l'impegno di supportare la presenza in parlamento per la minoranza slovena. Gli arbëreshë, la più numerosa minoranza etnico-linguistica in Italia, ancora una volta marginalizzati.
Il ministro degli esteri Di Maio prende l'impegno di supportare la presenza in parlamento per la minoranza slovena. Gli arbëreshë, la più numerosa minoranza etnico-linguistica in Italia, ancora una volta marginalizzati. Read More...
IMAGE
Recenzione libri: “Viaggio nella Calabria basiliana” di Enzo Cordasco
Continua l'ondata di interesse per gli insediamenti monastici basiliani in Calabria. Proproniamo il libro "Viaggio nella Calabria basiliana" di Enzo Cordasco che offre un itinerario nella Calabria bizantina comprendendo diversi contesti arbëreshë.
Continua l'ondata di interesse per gli insediamenti monastici basiliani in Calabria. Proproniamo il libro "Viaggio nella Calabria basiliana" di Enzo Cordasco che offre un itinerario nella Calabria bizantina comprendendo diversi contesti arbëreshë. Read More...
IMAGE
Il progetto e l'evento. Gioacchino, Dante, Michelangelo, Scarpa e i cerchi trinitari
L'architetto-filosofo lungrese, Enzo Mattanò, ha appena pubblicato un importante testo che contribuisce ad inquadrare la centralità della teologia figurativa di Gioacchino da Fiore nel pensiero filosofico occidentale.
L'architetto-filosofo lungrese, Enzo Mattanò, ha appena pubblicato un importante testo che contribuisce ad inquadrare la centralità della teologia figurativa di Gioacchino da Fiore nel pensiero filosofico occidentale. Read More...
IMAGE
Pubblicato il libro "Il grande sbarco"
Pubblicato per i tipi di Angelo Guerini e Associati S.r.l. il libro "Il grande sbarco" che racconta l'esodo albanese verso l'Italia negli anni 90: dalla prima accoglienza calorosa al rimpatrio. 
Pubblicato per i tipi di Angelo Guerini e Associati S.r.l. il libro "Il grande sbarco" che racconta l'esodo albanese verso l'Italia negli anni 90: dalla prima accoglienza calorosa al rimpatrio.  Read More...

ATTUALITÀ

Giovedì, Novembre 18, 2004 Luigi Boccia Chiesa e Religione 6718
Discorso pronunciato da S.E. il Card. Camillo...
Lunedì, Gennaio 23, 2006 Luigi Boccia Chiesa e Religione 9859
Secondo la tradizione, i territori dell’attuale...

LA LINGUA - GJUHA JONE

Domenica, Novembre 13, 2005 Luigi Boccia Grammatica 19511
Pagina in allestimento Seleziona la lettera dal menù qui accanto ==> .
Martedì, Marzo 07, 2006 Pietro Di Marco Aspetti generali 10182
E ardhmja e natës agimi. Ti e prite. E ardhmja e agimit dita e plotë. Ti e rrove. E ardhmja e ditës mbrëmja. Ti u krodhe në të. E ardhmja e mbrëmjes...