Presentazione del libro "La chiesa dei profughi" di M. Bellizzi

il . In Libri in recensione

Indice articoli

PresentazioneLibroMarioBellizziSabato 3 maggio, alle ore 18, al Museo delle Icone, è stato presentato il nuovo libro di Mario Bellizzi “La chiesa dei profughi”. Hanno partecipato all’incontro, oltre all’autore, Vincenzo Tamburi, sindaco di San Basile, S.E. Rev.ma Donato Oliverio, vescovo dell’Eparchia di Lungro, Franco Altimari e Vittorio Cappelli, entrambi docenti all’Università della Calabria.

LaChiesaDeiProfughiSanBasile

 

 

 

Presentazione di Ardian-Christian Kycyku

Prefazione di Vittorio Cappelli

Introduzione

Tra vruscià u pagghiunue la pensée dérobée

La chiesa dei profughi albanesi e la nuova chiesa fatta con tre tomoli di grano,

lana rustica negra, tre pignate d’oglio e un funerale gratis

Culto di Priapo e il misterioso lacerto

San Basilio negli Stati Discussi del 1741-1742

Per una storiografia delle confraternite

La Venerabile Cappella del Purgatorio

Cronistoria della costruzione della cappella

Perche Cappella “del Purgatorio”?

Procuratori e prefetti vescovili

Il clero nel Catasto Onciario e nella Platea

Salvarsi l’anima e curare il corpo

Famiglie dominanti: i Tamburi xhamir

Suffragi e sepolture. La solennizzazionedi San Gennaro

L’interdizione della Cappella: i settari del 1830 e 1848

La Cappella da chiesa diventa Opera Pia

Il Monte Frumentario del MagnificoSimeone Pugliese

Dal Luogo Pio Purgatorioalla Congregazione di Caritàdel 1862

Il pane e il grano di Simeone nella Cassa di Prestanze Agrarie

Debitori miserabili e coloni poveri

Non solo cenni di antroponimia

Il concentramento del Monte Frumentariocon la Congregazionedi Carità

Requiem aeternamchiesa dei profughi e Venerabile Cappella

Osservazioni e trascrizione della Platea (di Tiziana Rizzo)

Glossario

APPENDICI

A. Libro Maggiore della Cappella del Purgatorio in San Basilio

B. Documenti fotografici

Bibliografia

 

Kisha si Kujtesë dhe ansjelltas

Prof. Dr. Ardian Kyçyku

Nëse do të hartohej ndonjë enciklopedi vetëm e Mërgimit, arbëreshët do të duhej të zinin atje një vend nderi, ndonëse edhe enciklpoeditë, sikurse historitë, zakonisht shkruhen nga fitimtarët. Shkëputur dhunshëm nga trupi i kombit, me detin mes një ëndrre të humbur dhe një ëndrre për kthim, ose për mbijetesë, mendësia e një bote që nuk e njeh sa duhet Mërgimin do t’i kish përfshirë arbëreshët ndër të mundurit. Mirpo Mërgimi – ngjarje e shumëfishtë, me rrënjët njëherazi në tokë dhe në qiell, ka tjetër fjalor, metaforik, ku shpesh, në leximin e një fjale apo fjalie duhet kuptuar e kundërta. Arbëreshët patën bekimin të nisin një tjetër histori të kombit, si një ishull shqiptarie në mesin e detit latin, duke e kthyer Detin Adriatik në një metaforë, duke ruajtur e përkryer gjuhën amtare, doket, themelet shpirtërore dhe mjeshtërinë, ose dhuntinë e shqiptarit për t’u përshtatur e për ta marrë jetën nga e para. Kur sjell ndërmend letërsinë e jashtëzakonshme të arbëreshëve, thesarin e tyre me fjalë të urta, metaforat që nuk gjenden në asnjë letërsi tjetër, shkëlqimin e tyre të brendshëm që i mban gati në një kohë me lashtësinë greke e romake, apo me klasicizmin evropian, më vijnë pashmangshëm edhe dy vargje të Jeronim de Radës, rreth një vajze që pat ikur matanë një lumi (të kohës, të historisë?!):

Siç jeton ajo andej

ashtu rrojmë ne pas vdekjes...

Në njëfarë mënyre, arbëreshët rrojnë si ne pas vdekjes sonë, dhe ne rrojmë si ata pas vdekjes së tyre, bashkuar në shqipen e përhershme dhe në të njëjtin shpirt që nuk njeh dasi gjeografike, apo historike.

Dihet se çdo mërgimtar merr me vete jetën e vet të para-çrrënjosjes, pamjet e shtrenjta, dhembjet, pamundësitë, ciflat e ëndrrave të paplotësuara, fjalët, por edhe mënitë, faljet e pakërkuara etj. Malli, ose Mërgimi, përmbysin gjithçka, e nxjerrin mërgimtarin nga e përditshmja dhe e ndihmojnë të hyjë në të përhershmen e kombit të vet, duke e kthyer edhe çrrënjosjen në një tjetër lloj rrënjosjeje. Kufij e mënyra jetese ndryshojnë; brezni të tëra ikin nga kjo botë sikur të mos kenë jetuar kurrë; ngrehina e rrugë, ujra e trajta të tjera lënde bëhen pluhur, ose zëvendësohen nga trajta shpesh të pakuptueshme dhe / ose të papranueshme – dhe atëhere bota e parme, ajo me ngjarje e njerëz që vërtet nuk janë pjella të kinemasë, thërret në ndihmë Kujtesën. Çdorilindjenë troje të huaja është edhe një ringjallje e Kujtesës, një pasurim i saj, një mjet i pashitshëm për ruajtjen e shpirtit. Ecuria e ngjarjeve dhe të dhënat e librit „La chiesa dei profughi” përshkojnë me imtësi hapat e një bashkësie që, pasi kupton se ndodhet nën bekimin e Zotit dhe ripërshkon pa fjalë historinë e vet të brendshme, ndërton një kishë. Kisha mbetet shtëpia kryesore e bashkësisë, si Fillesa për botën. Jo rastësisht emërtimi i saj lidhet me Purgatorin: mërgimi, para se lartojë njeriun deri tek portat e Kujtesës, e sprovon me betejën pastruese mes thelbit të atyre që humbi dhe atyre që gjeti, e gjërave që ëndërroi të bënte dhe atyre që bëri, e atyre që tha dhe atyre që heshti. Atëhere Kisha nis, ruan dhe përmbyll fatin e shpirtit të bashkësisë.

E Përndershmja Kapelë e Purgatorit e Shën Vasilit, ndonëse e mban emrin falë vendit ku u ndërtua, ka diçka thelbësore edhe nga jeta e viganit të teologjisë orthodokse, Shën Vasilit të Madh, i cili, si hartues i lutjeve më të fuqishme për dëbimin e të paudhit, mes të tjerash, tha të „Mos ia falim veten tonë Zotit kur sosim në pleqëri dhe kur s’para kemi fuqi të mëkatojmë, por në rini, kur forcat i kemi ende të plota”. Kanë kaluar më shumë se pesë shekuj nga ngritja e kishës në Shën Vasil dhe kujtimi i saj, nderimi i atyre që e ndërtuan si shenjë falenderimi ndaj Zotit, dëshmon edhe një herë se ndërtuesit ia patën falur veten Krijuesit kur ishin fare të rinj e të njomë në Mërgim. Mario Bellizzi, poet krejt i veçantë dhe gjithnjë befasues, shkencëtar dhe intelektual me zë të qartë, jo vetëm nderon përmes këtij libri kujtimin e të parëve të vet, duke u shtuar dritë shpirtrave të tyre, por e rindërton kishën edhe në truallin e pacënueshëm të Kujtesës.

Këtej dhe përtej Detit,

shkurt 2014

Se si redigesse una enciclopedia  sull’emigrazione, gli italo-albanesi vi occuperebbero uno posto di rispetto, anche se le enciclopedie, come le storie, solitamente sono scritte dai vincenti. Separati brutalmente dal corpo della nazione, in mare con un sogno svanito e un sogno per il ritorno, o per sola sopravvivenza, la novità di un popolo che non ha ancora sperimentato a fondo l’emigrazione avrebbe omologato gli italo-albanesi tra i vinti. Ma l’emigrazione – evento complesso, con le radici ora in terra ora in cielo, ha un’altra accezione, metaforica, dove sovente, nella pronuncia di una parola o di una frase c’è da intendere il contrario. I profughi ebbero la benedizione di scrivere una nuova storia del popolo di appartenenza, quasi un’isola di albanesità nel mare della latinità, trasformando l’Adriatico in una metafora, preservando e divulgando la lingua materna, le usanze, i valori spirituali e l’arte, o la predisposizione degli  albanesi ad adeguarsi e misurarsi con la vita dei primordi. Quando mi viene in mente la straordinaria produzione letteraria degli arbëreshë, il loro repertorio di aforismi, le metafore non rinvenibili in alcun altro testo scritto, il loro pregio intrinseco quasi a confine con il mondo antico greco-romano, o con il classicismo europeo, ho istantaneamente presente pure due versi di Girolamo De Rada su una ragazza fuggita oltre un fiume (del tempo, della storia?!):

Come vive lei oltre (il fiume)

così viviamo noi dopo la morte…

In qualche modo, gli italo-albanesi vivono come noi dopo la nostra morte, e noi viviamo come loro dopo la loro morte, uniti nella lingua avita e con quello spirito che non conosce ostacoli geografici, o storici. Si sa che ogni emigrante porta con sé gli stili di vita anteriori allo sradicamento, le emozioni forti, i dolori, le privazioni, gli stromi dei sogni incompiuti, le parole, ma anche i rancori, i perdoni non concessi, ecc. La nostalgia, o l’Esodo, annullano tutto e distolgono l’esule con la quotidianità stimolandolo a rivisitare i trascorsi del proprio popolo in modo da trasformare  lo sradicamento in un trapianto. Confini e modi di vita cambiano, intere generazioni fuggono da quel mondo come se non vi fossero mai nati; case e strade, le acque ed altri aspetti del creato si polverizzano, o talvolta si sostituiscono in forme incomprensibili e / o inaccettabili – e allora la gente d’origine, quella che in vero non è erede della cinematografia, invoca l’aiuto della Memoria. Ogni rinascita in terra straniera è anche una rinascita della Memoria, un suo arricchimento, un mezzo inalienabile a tutela dell’anima. Le sequenze degli eventi e le fonti del libro “La Chiesa dei profughi” attraversano in profondità i vissuti di una comunità la quale, avendo compreso che è unta dal Signore e che percorre in silenzio un cammino interiore, edifica una chiesa. La Chiesa diventa la casa principale della comunità, come il Principio del genere umano. Non casualmente il suo nome è in nesso stretto con il Purgatorio: l’espatrio, prima di condurre l’uomo fino alla porta della Memoria, lo mette a prova in una lotta purificatrice nella ricerca di quelli che sono deceduti e di quelli trovati, e delle cose che smise di fare e di quelle che fece, e di quello che disse e tacque. Allora la Chiesa si attiva, custodisce e assolve il compito spirituale della comunità. La Venerabile Cappella del Purgatorio di San Basile, consacrando al luogo il nome dove fu eretta,  in questo si ispira pure alla vita del gigante della teologia ortodossa, San Basilio il Grande, il quale, come ideatore delle preghiere più efficaci per l’allontanamento del maligno, tra le altre cose disse “non offriamo la vita al Signore quando siamo già vecchi e non abbiamo più la forza di peccare, ma in giovinezza quando siamo in pieno vigore”. Sono trascorsi oltre cinque secoli dalla erezione della Chiesa di San Basilio, e il suo ricordo, il rispetto verso quelli che l’hanno costruita per riconoscenza al Signore, dimostra ancora oggi che i costruttori la dedicarono al Creatore quando erano giovani e ancora in forze in terra straniera. Mario Bellizzi, poeta assai versatile e sempre sorprendente, studioso e intellettuale di chiara fama, con questo libro non solo onora la memoria dei suoi antenati, mettendone in luce i valori spirituali, ma riedifica quella chiesa anche nella sfera indelebile

della Memoria.                                                                                     Prof. dr. Ardian Kyçyku


Rector of Romanian University of Sciences and Arts “Gheorghe Cristea” of Bucharest

Executive President of European Academy of Performing Arts

Al di qua e al di là del mare

febbraio 2014

Trad. in italiano di Zef Skirò di Modika

 

 

 

Mario Bellizzi, in questo suo lavoro, ci mostra come si possano coniugare l’amore del natio loco e il disincanto, l’afflato umanistico e la perdita di senso. I due corni del dilemma non si connettono formando un ossimoro, ma costituendo un impasto culturale sofisticato e multiforme, sorretto da molteplici curiosita intellettuali e al tempo stesso da acribia filologica e documentaria. Quest’ultima rende il libro talvolta di non facile lettura, ma la semplice e facile godibilita delle cose non sembra essere tra le priorita dell’autore, che predilige invece percorsi accidentati e minuti. Bellizzi non ama le grandi narrazioni che vorrebbero dotare di senso il processo storico, nè le periodizzazioni canoniche tra storia medievale, moderna e contemporanea. Egli ama piuttosto i piccoli spazi e predilige il dettaglio, nello scandagliare il passato della comunita di San Basilio. Ma nel far questo si tiene alla larga dalle angustie del municipalismo, dalle piccinerie del campanile e del localismo. Egli conosce bene la differenza tra storia locale e microstoria, ha appreso la lezione di Ginzburg, Levi e Grendi, che hanno proiettato la microstoria italiana sulla scena culturale internazionale. La sua ambizione, dunque, e quella di ritrovare e far riemergere le voci del villaggio, per connetterle al mondo e ai suoi drammi, rendendo conto di mutamenti e permanenze. L’autore intende se stesso, e lui stesso a dirlo, come viaggiatore-archeologo. E in questo viaggio nel passato gli accade anche d’imbattersi in curiose sorprese, le quali danno senso al suo metodo. Come quando tra le carte della sua Confraternita settecentesca egli scova che anonimi passanti di fede luterana o calvinista, o anche ebrei, transitando nel villaggio abiurano e si convertono per “meno di un cacio”. Come si fa a definire “storia locale” – si chiede opportunamente Bellizzi – questi “attraversamenti” spaziali, economici e religiosi? Sono storia locale “gli spiccioli dati ad un turco o ad una donna ebrea, l’errare di un monaco siriano tra le nostre strade nel Settecento”?

Si tratta ovviamente di domande retoriche, di cui si conosce gia la risposta negativa. Che a porre i quesiti – per concludere – sia uno studioso ch’e figlio di un’antica diaspora, quella degli albanesi giunti in Italia nel XV secolo, non e forse un caso. I “profughi albanesi di San Basilio” divengono metafora di altri attraversamenti. E un luogo di frontiera dell’estremo sud della Penisola diviene metafora di altre frontiere.

prof. Vittorio Cappelli

Docente di Storia Contemporanea

Unical Cosenza

 

 

 

(…) anche un luogo è tempo rappreso, tempo plurimo. Non è solo il suo

presente, ma pure quel labirinto di tempi ed epoche diverse che si intrecciano

in un paesaggio e lo costituiscono, così come pieghe, rughe, espressioni scavate

dalla felicità o dalla malinconia non solo segnano un viso, ma sono il viso

di quella persona, che non ha mai soltanto l’età o lo stato d’animo di

quel momento, bensì è l’insieme di tutte le età e gli stati d’animo della sua

vita. (…) il viaggio-scrittura è un’archeologia del paesaggio; il viaggiatore

-lo scrittore- scende come un archeologo nei vari strati della realtà, per

leggere anche i segni nascosti sotto altri segni, per raccogliere quante più

esistenze e storie possibili e salvarle dal fiume del tempo, dall’onda cancellatrice dell’oblio, quasi costruendo una fragile arca di Noè di carta, sebbene ironicamente consapevole della sua precarietà.

                              

(Claudio Magris, L’infinito viaggiare)

                       

Le finalità del presente lavoro in principio avevano come motivo preminente lo studio di una confraternita laico religiosa fondata a San Basilio, operante all’interno della Venerabile Cappella del Purgatorio; e, ciò fu reso possibile grazie all’acquisizione da una biblioteca privata di una platea settecentesca: una sorta di diario di bordo redatto dai suoi procuratori. Il manoscritto che reca sul frontespizio il titolo di Libro Maggiore nonostante una fugace esposizione pubblica, non fu né trascritto né studiato fino ad oggi. Attraverso i bilanci annuali compilati nella platea si descrive, per uno spazio temporale di circa mezzo secolo, sia l’attività dei confratelli nella comunità e nel territorio sia la sua vita interna, fortunatamente frammista a narrazioni di non poche vicende storiche. Per dipanare quella trama, come sempre accade in questi casi, fu necessario ricorrere ad un lavoro al contorno che, documento su documento: da quelli del silenzioso e vetusto Archivio vescovile di Cassano e dell’Archivio di Stato di Castrovillari agli altri del municipio di San Basile, svelò il turbinio di una storia che andava prendendo vieppiù forma a spirale, ruotando per ben quattro secoli attorno ad un singolare locus: la sconosciuta chiesa fondata dai profughi albanesi alla fine del XV secolo. Il percorso storico che emerse fu più complesso di quello prefissato dall’autore: difatti, esso compenetra la comunità, i ceti e gli uomini, illustrando le loro diverse modalità di aggregazione attorno le risposte identitarie e soprattutto il pauperismo della Calabria Citeriore, le astuzie, le utopie, le cadute rovinose proprie di una realtà popolata, con maledetta costanza, da moltitudini di pezzenti e una ristretta elite di potere. Ernesto De Martino in La terra del rimorso. Contributo a una storia religiosa del sud scriveva che, fra le storie regionali più circoscritte, una particolare importanza tocca alla storia religiosa del Regno di Napoli, dove sta in primo piano la dimensione sociologica delle tradizioni culturali del Mezzogiorno. Essa è la storia di una formazione socialmente e politicamente definita, geograficamente delimitata, come diceva Ferdinando II, “fra l’acqua santa e l’acqua salata”, fra lo Stato della Chiesa e il mare o, rileggendo la metafora ad usum delphini, fra il vescovo di Cassano e i principi i quali vendevano e compravano il borgo di San Basile con i suoi abitanti, passandoli di mano in mano lasciando loro solo la triste sorte. Più tardi toccò allo Stato e alla Chiesa continuare, sul filo dell’egemonia, la ‘gestione’ dei poveri e la loro assistenza. Questa in sintesi la trama del libro, sicuramente una storia fra le storie dei paesi della Calabria Citeriore verso le quali lo stesso De Martino invocava ricerche molecolari, indagini per “ricomporre in vicende motivate e comprensibili il panorama disgregato, caotico e contradditorio che la vita religiosa del Sud offre inizialmente all’osservatore”. Lo stesso auspicio metodologico, per molti versi, fu espresso in modo ancor più suggestivo dal regista sovietico Pudovkin:

 

Per avere un’impressione chiara della dimostrazione l’osservatore deve compiere certi atti. Deve prima arrampicarsi sul tetto d’una casa per vedere dall’alto il corteo nel suo insieme e calcolarne la grandezza; poi deve scendere a guardare da una finestra del primo piano per leggere i cartelli portati dai dimostranti, e infine deve mescolarsi con la folla per farsi un’idea dell’aspettoesteriore dei partecipanti.

 

In nuce, si conferma a mio avviso che il “macrostorico” non vede determinati oggetti storiografici per il semplice fatto che non può vederli e perchè la prospettiva da cui osserva li nasconde alla sua vista; e, così operando non si realizza solo la marginalizzazione di alcuni soggetti, di alcune aree e territori, ma accade anche che, con l’aumentare della distanza dai dati elementari, questi ultimi si disperdono, diventando più radi. Le prove perdono in questo modo il loro potere vincolante lasciando libero il campo a una soggettività più arbitraria. Privilegiare questo punto di vista significa mettere a nudo anche le stigmate del nesso cruciale tra immagini dei fenomeni sociali e categorie statistiche, costutivamente incapaci di rappresentare la dispersione aleatoria dei comportamenti. D’altronde, se guardiamo alla mobilità nel territorio, il senso e le logiche degli spostamenti individuali registrati scompaiono nel baratro di categorie forti. E allora come si fa a raccontare la cosiddetta grande storia attraverso le vite individuali? Edoardo Grendi aveva coniato un felice ossimoro per identificare l’oggetto di un’indagine su scala microstorica: l’eccezionale normale a cui una certa arte ha il compito di far fuoriuscire voci umane articolate anche da documenti di scarsa importanza apparente. Lo storico Cantimori, in altre pagine, scioglie qualche nodo di questa narrazione infinita di infinitesime testimonianze biografiche di cui è perfettamente conscio: “Certo, la vita materiale si presenta innanzitutto sotto la forma aneddotica di migliaia e migliaia di piccoli fatti di cronaca. […]. È polvere di storia, microstoria, nel senso in cui Gurvitch parla di microsociologia: piccoli fatti che, ripetendosi peraltro indefinitamente si affermano come realtà in serie. Ognuno di questi fatti attesta per migliaia di altri, che attraversano silenziosamente lo spessore del tempo e durano”. Ciò di cui si sta tentando di dare una definizione è lamicrostoria annalistica che non è ‘storia locale’tout-court ma filologia integrale, indagine sociologica, economica, linguistica, geografica, culturale, dove ciascuna componente è organica e reciproca dell’altra. E la microanalisi, scrive E. Grendi, ha rappresentato una sorta di via italiana verso la storiografia sociale più avanzata (teoricamente guidata), in una situazione relativamente bloccata in termini di ortodossia gerarchica delle rilevanze storiche e di chiusura alle scienze sociali. Essa ha assunto, così,dignità di storiaperché, pur espletandosi l’indagine nell’angusto spazio del municipio, convoca, a suo polo orientativo, un metodo nuovo, appunto annalistico, che attraverso lo scandaglio critico dei documenti di una piccola cellula sociale, risale alla comprensione di sincroni fenomeni generali, di più ampie e complesse dinamiche le quali sottendono, fagocitano persino, quelle del concreto, piccolo cosmo della provincia e della periferia. Ciò che tutti auspichiamo che emerga da questa storia sociale è l’uomo vivo, sotto la polvere degli archivi; altrove quella storia si chiamerà etnostoria, esplorazione critica dei fatti economici, linguistici, comportamentali, insomma di tutto ciò che è palpitante della vita quotidiana che trascorre, come diceva Manzoni, “senza lasciare traccia”. Questo genere storiografico è nato in polemica con le grandi narrazioni dello sviluppo storico (marxismo, liberalismo ecc.), con le periodizzazioni convenzionali per epoche (età medievale, moderna, contemporanea) e soprattutto con l’uso di categorie generali (stato, mercato, sviluppo economico ecc.) incapaci di render conto, delle permanenze e dei mutamenti storici concreti, come sostengono C. Ginzburg e G. Levi, esponenti importanti di questo genere storiografico. Ma pensando ad un’altra storia, quella definita locale, occorre riflettere sul fatto che essa è tale, di certo, non per un riferimento ad uno spazio oggettivo e delimitato ma perché si instaura una relazione di duplice significatività storica: polarità/dialettica locale/generale. Scorrendo alcune pagine di questo libro, come si fa a definire ‘storia locale’ «di San Basile» la vicenda degli eretici luterani o calvinisti che abiurano mentre attraversano quel luogo? o la conversione di un servidore del conte di Bourges, gli spiccioli dati ad un turco o ad una donna ebrea, l’errare di un monaco siriano tra le nostre strade nel Settecento? E come non leggere in controluce una trama profonda, nella geografia e nella storia del Mediterraneo, tra i fili che compongono le allegorie e il periodare greco e arabo della tela: l’Antiminsion che reca in un angolo la firma diSua santità il patriarca Agapios Matar, giunta da Sidone, città del Libano sino a San Basile, nel Settecento e ancora oggi esposta nel salotto del palazzo Tamburi? O in primis le folate nei territori del sud Italia di profughi dai Balcani “erranti quali avvanzi miserandi di rabbiose guerre, ridotti poveri e affranti, lungi dai luoghi nativi, senza avere più stretti come prima i sacri legami del culto, della parentela, de’ costumi, della lingua onde per lo passato eransi congiunti”, come scriveva F. Tajani nel 1886? Se si sconta l’enfasi con cui la microstoria può essere presentata come proposta esclusiva di accesso al passato, le ricerche prodotte finora hanno contributo all’autoriflessione degli storici sul proprio lavoro e sui rapporti con le altre scienze sociali, scriveva Nicola Gallerano. Si può aggiungere che la microstoria è un genere, un problema cognitivo, narrativo, documentario e in un Italo Calvino che pensa, non solo al proprio mestiere, ma anche a quello dello storico, fa capolino il tema della rappresentatività dei campi dell’indagine microstorica e della possibilità di generalizzare le sue conclusioni su scala più ampia:

 

il racconto (...) propone insieme singolarità e geometria: si dà racconto quando la singolarità dei dati si compone in uno schema, sia esso rigido o fluido. Ogni nuovo racconto è una vittoria della singolarità sullo schema già ossificato, finché un insieme di eccezioni allo schema non si configurano come schema esse stesse.

 

Con un’ottica che deriva dall’antropologia sociale, il villaggio si può vedere come un teatro politico che parla una lingua religiosa e spesso parla anche una lingua politica sebbene qualche volta lo fa con il silenzio dei miserabili e la violenza assordante dei nobili. Le metamorfosi della chiesa dei profughi albanesi di San Basile mi sembra che ricalchi questo schema. Infine, mi si permetta di sottolineare il senso dei luoghi che alle volte fa sì che il loro magnetismo li candidi a divenire crocevia nelle storie e micro-storie di una comunità. La mia speranza-auspicio è che coloro che si apprestano a leggere questo contributo e l’ardua trascrizione della Platea di Tiziana Rizzo lo considerino come il lavoro di un viaggiatore- archeologo che scavando porta alla luce luoghi, volti e frammenti di biografie sepolte dalla polvere del tempo o dal Potere che occulta perennemente le orme di sofferenza che dissemina nell’esercizio del suo dominio. E ancora, l’atto del ricordo, in tal senso, è carità e giustizia per chi è scomparso talora anche in silenzio e nell’oscurità, schiacciato dal “terribile potere di annientamento” della Storia universale, come la chiamava Nietzsche.                                                         

M.B.

 

Testi tratti dal sito academia.edu

Блогът Click here очаквайте скоро..

Full premium Here download theme for CMS

Bookmaker Bet365.gr The best odds.

Articoli suggeriti