Domenica dell'Ortodossia nella chiesa greca di Cosenza

Scritto da Demetrio Guzzardi il . In Cosenza

foto iconostasi micalizziNelle comunità greco bizantine dell’Eparchia di Lungro la prima domenica di Quaresima è detta "Domenica dell’Ortodossia" perché si commemora la vittoria sull’iconoclastia e il ristabilimento della venerazione delle icone, avvenuta al II Concilio di Nicea nel 787 e poi confermato con il Sinodo di Costantinopoli dell’843, celebrato nella prima domenica della Grande Quaresima.

Contro gli iconoclasti, che basandosi sull’Antico Testamento rifiutavano ogni immagine sacra, i Padri a Nicea hanno stabilito il principio che, con l’incarnazione del Verbo di Dio, Dio è diventato visibile e quindi anche raffigurabile, ed hanno chiarito la differenza che c’è tra "adorazione" e "venerazione": l’adorazione deve essere rivolta sempre e soltanto a Dio, la venerazione invece deve essere rivolta a tutto ciò che è sacro. Venerando un’icona, la nostra devozione non va al pezzo di legno dipinto che baciamo, ma a chi è raffigurato ricordando tutto ciò che è stato fatto per la nostra salvezza; come quando baciando la foto di un nostro caro defunto, il nostro bacio, anche se dato alla foto, non è diretto alla carta, ma alla persona che è raffigurata e che ci è cara, per l’amore che ci ha legato.

Domenica 14 febbraio alle ore 10.45 a Cosenza nella Chiesa del Santissimo Salvatore in piazza Plebiscito, così come in tutte le chiese greco-bizantine dell’Eparchia di Lungro durante la celebrazione della Divina Liturgia, in ricordo del ristabilimento del culto delle icone, si svolgerà la processione con le icone che si trovano in chiesa e con quelle portate dai fedeli dalle loro case. Un’occasione per far benedire le icone, ma anche per gustare la bellezza della liturgia bizantina.

Блогът Click here очаквайте скоро..

Full premium Here download theme for CMS

Bookmaker Bet365.gr The best odds.

Articoli suggeriti